Classifica 2017

L'Economia del corriere della sera

L’Economia del corriere della sera

I dieci signori del vino italiano. l'economia del corriere

I dieci signori del vino italiano.
l’economia del corriere – On-line

Tutte insieme rappresentano 6,2 miliardi di fatturato, 148 mila ettari di vigne, tra vigneti in proprietà e in affitto, 2 miliardi di bottiglie, 11.570 dipendenti. E’ il biglietto di visita della 104 maggiori case vitivinicole italiane protagoniste della classifica 2017. Questa speciale ed esclusiva graduatoria, costruita tenendo conto dei risultati di bilancio dell’ultimo esercizio, fotografa un campione dell’industria nazionale del vino, che diventa ogni anno più importante, come dimostra anche il grafico che registra l’incidenza di questo campione sul fatturato totale del settore negli ultimi sei anni.

Top 10 2017

Top 10 2017

Peso del campione sul totale2Le 104 aziende della classifica 2017 rappresentano il 47,6% del giro d’affari complessivo del settore: due punti in più rispetto al campione dello scorso anno che pure contava un numero maggiore di cantine, a riprova del progressivo processo di riorganizzazione e rafforzamento in corso sul mercato, sia nel settore privato che cooperativo, con la costituzione di realtà operative di maggior peso (anche se nella maggioranza dei casi ancora lontane da dimensioni ideali per un mercato globale complesso) .
Più in particolare, le cantine del campione si aggiudicano il 62,3% del totale export (+1,5% sul 2016), mentre sul mercato domestico il peso è più contenuto ed è pari al 35,2%. Complessivamente le aziende in graduatoria hanno girato la boa dell’esercizio 2017 con un incremento del fatturato complessivo del 5,7%, percentuale che sale fino al 7,10% nelle vendite all’estero e scende al 3,76% per il lavoro in Italia.

 


Nella tabella la graduatoria delle 104 maggiori imprese vitivinicole italiane con più di 10 milioni di fatturato 2017 (da bilancio civilistico, consolidato o aggregato) L’ebitda, margine operativo lordo, è in cifra assoluta e in percentuale sul fatturato. L’Ebit è l’utile operativo netto, prima di imposte e oneri finanziari. Per le coop i valori dell’Ebitda e dell’ Ebit, normalmente molto bassi o non comunicati, hanno modesto significato, perché la missione delle società cooperative non è quello di fare profitti, ma di pagare al meglio il costo delle uve conferite dai soci. La posizione finanziaria netta indica l’indebitamento netto o la liquidità dell’azienda (segno più davanti alla cifra). Nel caso delle cooperative gli ettari vitati sono di proprietà dei soci. Le variazioni percentuali dei fatturati sono calcolate senza tenere conto di incrementi o decrementi non comparabili.

Qualsiasi riproduzione dei dati deve essere autorizzata.
Azienda Vitivinicola
Fatturato in milioni 2017
Fatturato in milioni 2016
Variazione % 2017/2016 TOTALE
Variazione % 2017/2016 ITALIA
Variazione % 2017/2016 ESTERO
Export
(in milioni)
Export
in %
Ebitda
(in migliaia)
Ebitda
%
Ebit
(in migliaia)
PFN
(in migliaia)
Investimenti
(in migliaia)
N¡ Bottiglie
(in milioni)
Ettari vitati
proprietá
Ettari vitati
affitto
Dipendenti
n.
Acquisti % sul totale Uve
Acquisti % sul totale Vino
1
Cantine Riunite & Civ
594,2566,15,003,905,70399,9070,0051303,08,6332018,0-157739,015126,0213,84.9076531.10620,0027,00
di cui:
Gruppo Italiano Vini
385,0365,05,484,755,79294,0076,3632250,08,4021250,0-112062,08560,089,368765381850,0025,00
2
Gruppo Caviro
220,8227,2-2,84-4,384,8475,7634,317390,03,301550,0-39141,012733,8254,834.71390369--25,00
3
Marchesi Antinori
202,3195,13,717,630,32114,0863,8692999,746,1174000,217500,038700,023,42.88013144810,010,0
4
Zonin 1821
201,0193,04,154,144,76172,8086,0013152,06,6010460,062069,02950,050,91.990--30314,040,0
5
Fratelli Martini
194,0171,313,279,3813,72174,4089,9012603,06,509985,00,013630,084,0295--7517,5082,50
6
Gruppo Mezzacorona
184,7163,4nsnsns153,330,8315981,08,655638,0-114321,04318,049,03.500--472----
7
Cavit
182,5177,92,596,101,77146,1080,006900,03,802400,027900,02533,0nd5.700--231ndnd
8
Casa Vinicola Botter Carlo & C.
179,0165,08,5025,008,80171,8096,0024000,013,4022000,0-20661,01200,086,315510134----
9
Enoitalia
168,9147,514,5010,5015,80128,6076,107682,04,504460,0-17247,04758,098,0----114--100,00
10
Gruppo Santa Margherita
168,7157,07,446,397,93116,4669,0253908,031,9545036,0-146701,079000,020,444717736521,7078,30
11
Italian Wine Brands
149,8146,03,75-3,707,50112,5075,1316030,010,7010796,0-2,31000,048,0----16113,0087,00
12
La Marca Vini e Spumanti
131,4101,030,078,5035,70108,7082,732381,01,81193,0-23053,013058,042,010.000--55--18,00
13
Cantina di Soave
118,0116,01,620,004,1547,0040,006589,05,602280,021734,013945,035,05.700--181----
14
Collis Veneto Wine Group
115,0106,08,0012,001,0032,5028,007542,06,60606,0-27247,06761,018,06.100--19770,0012,00
15
Terre Cevico
112,7110,71,86-0,407,8033,3029,545187,04,602927,018252,02927,072,56.93545264--12,80
16
Schenk Italian Wineries
109,8108,31,41-12,0014,5090,8080,605074,04,622963,0-28813,01315,055,6162096--61,00
17
Mondodelvino Group
106,897,010,1520,008,0591,2085,3612072,011,304800,0nd5959,063,518592412,0098,00
18
Ruffino
106,898,78,2211,008,0499,6893,3128373,026,5622018,019934,06148,026,1--47215920,0054,00
19
Marchesi Frescobaldi
105,0101,23,752,303,9065,6068,3034500,032,8622200,0-9500,027600,011,61.35040568----
20
Gruppo Lunelli
95,086,010,009,0014,0020,0021,0522000,023,00nd-19000,08500,011,02055522550,0020,00
21
Villa Sandi
87,287,7-0,60-2,301,1045,5052,706300,07,204800,0-8900,02500,025,51601.8509035,0065,00
22
Vi.V.O. Cantine
85,081,04,9811,64-2,7036,6043,004264,05,021390,0-24106,03975,028,14.11087114ndnd
23
Mionetto
78,572,28,653,3312,6346,5659,30ndnd6108,78835,02632,024,2----113--100,00
24
Banfi
72,072,00,004,00-7,8036,4050,569500,013,193150,0-22000,06200,014,51.0001733510,0025,00
25
Farnese Group
68,254,126,191,9028,3263,7693,4813623,919,978449,5-30793,72181,722,2--3008319,0081,00
26
La Vis
66,676,3-12,789,60-19,0045,7868,772232,83,40-326,3-48968,8430,028,07603138----
27
Terra Moretti
66,164,6ndndnd14,8022,3813800,020,879000,0nd5060,09,687095401----
28
Masi Agricola
64,463,91,00ndnd51,7080,2012972,020,2010167,00-8970,03663,0nd32967134,00----
29
Cantina Viticoltori Ponte
62,057,09,007,0013,0019,2031,002714,04,37453,0-16,13116,016,02.100--705,580,20
30
Tenute Piccini
60,362,8-3,98-13,79-1,2648,6080,608200,013,606720,0nd2500,015,22302405725,0032,00
31
Fontanafredda
59,654,59,367,3010,8022,6037,929200,018,006600,0-31300,04380,011,6722915627,5014,00
32
Spumanti Valdo
57,956,22,997,55-1,6927,3047,124142,07,153395,0-12091,02818,015,1--1605814,0885,92
33
Bottega
56,653,55,798,005,0046,5082,165200,09,194255,08441,01000,014,11124150--50,00
34
Casa Vinicola Caldirola
50,954,4-6,40-6,80-5,4014,8029,00ndndndnd298,034,4----54--100,00
35
Astoria Vini
50,645,311,7011,0015,0015,5031,009130,019,008028,05965,02250,013,040605570,0030,00
36
Pasqua Vigneti e Cantine
50,148,33,731,104,1043,8087,405162,010,303872,0-23348,0590,015,11002006621,0059,00
37
Cantine Settesoli
50,150,2-0,281,20-2,1221,8343,58ndndnd-14028,21129,021,55.232--172----
38
Castellani
49,748,03,481,102,4845,2091,0013328,026,8012203,04415,01125,024,1190--56--75,00
39
Casa Vinicola Sartori
49,045,38,2019,004,0035,0072,003250,06,502650,0-7900,0200,018,0252.8004920,0035,00
40
Viticoltori Friulani La Delizia
48,846,16,04-7,8025,7023,8048,802167,04,40799,034862,03088,028,12.0001198353,2016,60
41
Cantina Produtt. Valdobbiadene
47,041,812,4419,46-6,3210,5022,302728,05,801170,01983,08690,013,2901--5097,702,30
42
Cielo e Terra
41,739,07,00-10,0018,0028,0067,003300,08,002300,0nd232,029,0----60--100,00
43
Araldica Castelvero
41,640,23,463,263,5430,8774,303059,07,051877,0-13351,06117,014,1792528244,8855,10
44
Duca di Salaparuta
40,340,10,121,06-2,578,2120,403126,07,78ndnd3600,011,0120419580,00--
45
Guido Berlucchi
39,941,0-2,53-2,61-0,501,503,809972,025,008042,0-4432,01230,04,185400102100,00--
46
Cantine Sgarzi Luigi
39,633,418,600,0018,6038,0096,00ndndndnd635,013,0100--222,0098,00
47
Cecchi
39,236,76,819,658,3819,3549,367526,019,206476,0-2200,07850,08,5298849525,0035,00
48
Cantina Tollo
38,840,4-3,86-4,489,917,2018,551774,04,57106,0-11045,0914,011,0----64----
49
Zenato
38,136,57,4416,5815,1529,2876,803018,07,901687,0-4620,02574,06,83925489,1076,40
50
Cantine Vitevis
37,238,0-2,00-7,0015,0010,9029,00ndndnd2228,01341,06,82.200--500,005,00
51
Cantina Valpolicella Negrar
36,735,14,4517,0014,0021,1058,00ndndndnd1377,08,0730--383,0015,00
52
Corte Giara
36,133,76,9434,782,7529,9083,306185,017,10ndnd4570,04,9206981087,20--
53
Toso
35,135,10,00-1,500,5021,6062,706086,017,304809,07130,02480,019,19--5595,0045,00
54
Citra Vini
35,030,813,6920,008,0016,6548,001332,03,81194,0-3422,0800,024,00--57--0,11
55
Chiarli 1860
34,733,43,907,81-4,859,8028,26ndndndndnd21,0110--58--93,00
56
Tenuta San Guido - S.A. Citai
33,730,610,025,164,8624,5672,8918010,053,4517371,013428,0492,01,2851017210,0010,00
57
Colomba Bianca
31,931,52,001,500,506,1019,001634,05,10148,0-14915,01311,01,47.300--262,204,97
58
Cantina Montelliana e dei Colli Asolani
30,227,011,008,0013,0017,0056,00ndndndnd3153,013,9----38----
59
Salvaterra
29,528,529,5019,1010,4010,4035,002892,010,10ndnd850,0N.D.--2542170,0030,00
60
Cantina Due Palme
29,123,126,0014,0012,0013,0044,00ndndndnd2000,010,02.400--80--13,80
61
Feudi di San Gregorio
29,027,07,419,760,006,5022,413800,013,102000,0-25000,03000,04,442713817044,000,00
62
Cantina di Rauscedo
25,931,1-16,60-15,60-38,460,803,001437,05,50355,023737,02397,00,81.500--31----
63
Bertani Domains
25,724,64,606,003,0014,3055,00ndndndnd1600,03,9460--14085,0015,00
64
Cantina di Carpi e Sorbara
23,720,515,2014,091,113,0012,001642,06,90468,0-12232,01960,02,91.943--3597,712,30
65
Terre Cortesi Moncaro
23,124,1-4,00-7,20-0,1010,5048,003521,016,701975,023118,0200,010,21.350--584,0013,00
66
Rocca delle Macie
22,822,80,000,000,0011,9052,19ndndndnd850,03,7197109012,00--
67
Cantina Caldaro
22,813,766,00ndnd5,2023,001396,06,12413,0-7920,012757,03,5470--600,007,00
68
Montelvini
21,419,211,904,3115,335,5025,501711,08,001096,0-2428,0480,04,735--4516,0084,00
69
Carpené Malvolti
21,020,05,266,983,209,5051,00850,04,50280,011700,02500,05,2----35--100,00
70
Cant. Prod. San Michele Appiano
21,019,010,007,005,004,5025,00ndnd267,0nd667,03,3380--40----
71
Umberto Cesari
20,519,27,008,906,7017,4085,004717,023,00nd5430,0500,03,81801804013,00--
72
Le Chiantigiane
20,020,00,376,68-26,002,8014,10557,02,8022,0-437,0472,011,0----43--21,00
73
Tasca d'Almerita
19,418,65,004,505,0010,2054,404104,019,103242,020416,03494,03,7404387310,000,00
74
Adria Vini
19,320,3-5,1243,64-5,6919,0398,40464,02,41464,0-6627,00,011,9----0--100,00
75
Alois Lageder
18,918,05,0821,81-6,899,7651,702221,0nd1541,0nd2715,02,550--4967,3032,70
76
Cantina di Bolzano
18,818,51,671,104,403,6019,10ndnd504,0nd8572,03,6336--33----
77
Donnafugata
18,516,710,009,0014,004,8027,004628,022,001665,0-8475,03230,02,419518910022,0012,00
78
Varvaglione 1921
18,316,02,3039,0061,009,9055,001928,010,761281,03219,0430,04,0201503180,007,90
79
Terre del Barolo
18,318,7-2,110,32-7,405,4229,664223,023,103499,0386,0308,03,0600--40--4,00
80
Cantina Sociale di San Martino in Rio
18,015,020,0017,003,001,8010,00ndndndnd1500,00,21.100--17--5,00
81
Cusumano
17,917,33,300,003,3011,2362,606510,036,303400,0nd3000,03,4525315----
82
Cantina Sociale ValTidone
17,116,44,003,80ns0,030,201285,07,50475,0-3201,0177,06,31.015--300,109,10
83
Argiolas
16,716,8-0,15-1,004,006,3538,003317,020,001578,0-15865,01600,02,4230--4330,00--
84
Vivallis
16,016,00,000,000,000,000,00-257,0-1,48-1015,0-8662,0396,00,2841--161,047,00
85
Carpineto
16,014,014,5013,5015,3014,3089,401138,08,901082,02484,0-34,03,31507060----
86
Azienda Planeta
15,815,05,261,029,748,0050,573343,019,002060,01608,02684,02,63804133----
87
Gotto d'Oro
15,615,8-1,00-1,000,000,806,00ndndnd-6600,02000,06,21.300--29----
88
Cantina Toblino
14,913,88,398,390,00ndnd732,05,26136,0214,048,00,4796--15----
89
Cantina Vecchia Torre
14,714,9-0,01-0,020,015,1735,13764,05,18241,0858,0614,02,91.200--132,196,27
90
Cantina Colterenzio
14,513,39,106,3019,403,6027,001093,07,50214,0-511,0300,02,6300--371,6022,00
91
Marchesi di Barolo
14,514,40,800,201,308,4057,902348,014,901946,0-4937,01125,01,89612036--17,20
92
Marchesi Mazzei
14,412,614,4411,7216,298,7060,402595,018,001117,0nd690,01,5172--37----
93
Cantina Tramin
14,313,010,009,6022,892,9020,20ndndnd245,0446,01,8273--26----
94
Famiglia Cotarella
14,213,27,986,008,056,3044,373720,026,203320,02019,0631,03,1135606530,0030,00
95
Bortolomiol
14,013,08,746,5516,103,7526,25ndndndnd1500,02,25--26----
96
Cantina Mori Colli Zugna
14,012,02,002,000,000,000,00285,02,00188,0415,0160,00,3615--16--3,00
97
Le Tenute di Genagricola
13,412,48,702,6024,504,2031,270,00,00ndndndnd900--35----
98
Cantine 4 Valli
13,310,427,8510,0038,008,0560,54839,06,31484,0ndnd8,710025037----
99
Umani Ronchi
13,012,17,009,005,009,7074,002300,018,001700,0-3200,01480,03,4212426020,0012,00
100
Mastroberardino
13,012,72,001,503,002,7020,802100,016,20950,0-2800,0650,02,02301004535,00--
101
Cantina Castelnuovo del Garda
12,712,8-0,010,000,003,7029,25ndndndndnd3,8790--27--8,00
102
Societˆ Agricola San Felice
11,611,05,495,470,025,8450,462782,324,041090,51031,3nd1,3221--63----
103
Cantine Volpi
10,99,811,000,0011,009,8090,00456,04,20219,0-1768,0650,04,01042810,0090,00
104
Cantina Santadi
10,110,5-3,90ndnd2,7026,80637,66,3273,5-1524,01539,21,5515--306,858,30

NOTE

(il numero accanto alla cantina indica il suo posto in classifica)



Tanti marchi, caratteristiche diverse

Come si può vedere, la classifica raccoglie cantine di dimensione molto diversa: sono solo 19 le aziende che possono vantare incassi superiori a 100 milioni, 18 quelle che hanno un fatturato compreso tra 100 e 50 milioni e 21 quelle che viaggiano tra 50 e 30 milioni, mentre ben 46 costituiscono una fascia dimensionale compresa tra i 30 e i 10 milioni. Si tratta in maggioranza di aziende private (circa il 60% del campione), che operano però in modo differente: molte sono realtà produttive, per lo più create e guidate da una famiglia, che hanno nel loro dna vigne e uva, terra e cantina. Altre invece sono nate e cresciute con un progetto imprenditoriale di taglio prevalentemente commerciale e industriale che prescinde da proprietà viticole. E altre ancora operano su più tavoli affiancando a una prevalente attività commerciale anche un impegno sul fronte della produzione, magari agganciato alle vigne di proprietà dei titolari, che specie in questi ultimi anni fanno gioco all’immagine complessiva dell’azienda.
E’ invece indissolubilmente legato alla terra e ai viticoltori il mondo cooperativo che partecipa alla graduatoria con 43 aziende (meno tre rispetto al 2016) , rappresentando circa il 43% del giro d’affari totale. Le coop pesano meno sul lavoro all’estero (36,60%) e molto di più in Italia dove si aggiudicano il 52,3% del fatturato totale.
Al di là delle statistiche, quali sono le novità dell’anno?
In primo luogo il potenziamento del gruppo al vertice, dove è aumentato di due unità il numero di cantine che vantano più di 100 milioni di fatturato. Hanno fatto il loro ingresso nel club dei big due aziende che marciano a passo di carica: il Mondodelvino group e la Ruffino. Entrambe hanno totalizzato un fatturato di 106,8 milioni, piazzandosi, in ordine alfabetico, al 17mo e 18mo posto. Guidato da Alfeo Martini, base a Forlì, il Mondodelvino group è un marchio relativamente giovane e ancora poco noto al pubblico che ha tre teste: è azienda commerciale con Mgm, è produttrice con Barone Montaldo e Poderi dal Nespoli ed è industria con la casa di spumanti Cuvage. E’ invece un brand storico la maison Ruffino guidata da Sandro Sartor, prezioso e ambizioso satellite toscano dell’americana Constellation Brands.
Negli ultimi due anni nel circolo degli over 100 milioni sono entrate ben 5 nuove aziende ed è molto probabile che anche in chiusura dell’esercizio 2018 altri marchi busseranno alla porta. Come per esempio il trentino Gruppo Lunelli, che in groppa ai suoi cavalli di razza, Cantine Ferrari e Bisol, ha chiuso i conti 2017 con 95 milioni di fatturato, sfoggiando incrementi del lavoro a doppia cifra, sia in Italia che all’estero.

Le prime 2 coop

Corrado Casoli, presidente Cantine Riunite & Civ e Giv

Corrado Casoli, presidente Cantine Riunite & Civ e Giv

Simonpietro Felice, DG Cavro

SimonPietro Felice, DG Cavro

I primi 2 privati

Le prime tre private, Piero Antinori con le figlie (da sx) Albiera, Allegra , Alessia

Piero Antinori, presidente onorario, con le figlie (da sx) Albiera, presidente, Allegra e Alessia

Francesco Domenico e Michele Zonin

(da sx.) Francesco Domenico (presidente) e Michele Zonin

Del resto, non sono poche le aziende che stanno guadagnando posizioni. Tra queste c’è la Villa Sandi di Giancarlo Moretti Polegato, al 21mo posto con più di 87 milioni; c’è il Vi.V.O. Cantine, il Consorzio Viticoltori del Veneto orientale che con il suo consolidato è salito a quota 22, o ancora c’è Mionetto, azienda leader nel mondo del Prosecco che ritorna dopo alcuni anni di assenza in classifica, piazzandosi al 23mo posto con 78,5 milioni di fatturato. Casa nelle colline di Valdobbiadene e 131 anni di storia, Mionetto appartiene dal 2008 al gruppo tedesco Henkell & co. Sektkellerei KG con sede a Wiesbaden, uno dei maggiori produttori europei di bollicine che ha lasciato a un management italiano il comando della controllata, leading brand in Italia nel canale horeca. Guidata dal consigliere delegato Alessio De Savio, Mionetto assieme alla  Ruffino, all’ Agricola San Felice del gruppo Allianz e alla Schenk Italian wineries del gruppo svizzero Schenk, è una delle 4 aziende della classifica che fa capo a capitali stranieri.

Ma torniamo al vertice. Ancora una volta, in chiusura del 2017, a dominare il settore è la corazzata cooperativa Cantine riunite & Civ, proprietaria del Giv, il Gruppo italiano vini che è a tutti gli effetti l’ azienda più grande del comparto. Presiedute da Corrado Casoli, le Riunite (così le chiamano tutti), con i suoi 594,2 milioni distano anni luce dal resto del mercato. Ci sono più di 300 milioni di distanza tra la prima della classe alla seconda Caviro, il Consorzio romagnolo che conta 220,8 milioni di incassi, rappresenta da sola il 10% della produzione nazionale di uva ed è leader nella grande distribuzione organizzata. Proprio la Caviro, guidata da Felice SimonPietro, è anche protagonista di un’importante joint venture assieme a Terre Cevico, altro big della cooperazione romagnola (al 15mo posto), con il quale ha dato vita al progetto Bolè per la creazione di uno spumante della Romagna, battezzato Novebolle (nove, come il numero dei colli della Romagna). Il progetto guidato da Ruenza Santandrea, anche coordinatrice del settore vitivinicolo dell’Alleanza delle cooperative, riunisce attorno a un tavolo due aziende concorrenti che hanno deciso di valorizzare insieme lo storico vitigno Trebbiano, diffusissimo nell’intera regione e fin qui normalmente venduto sfuso, soprattutto in Germania. Una dimostrazione concreta della capacità della cooperazione di fare sistema anche sulla base di iniziative di valorizzazione del territorio di appartenenza.

Sul terzo gradino del podio ecco la prima azienda privata del mercato italiano: Marchesi Antinori, un brand che rappresenta una delle più prestigiose griffe del made in Italy nel mondo, oltre che la più importante proprietà viticola nazionale con 2.880 ettari di vigneti.

Alle spalle della casata toscana altri due marchi privati: al quarto posto la Zonin 1821 importante realtà veneta dei fratelli Domenico, Francesco e Michele Zonin che ne sono alla guida coadiuvati dall’amministratore delegato Massimo Tuzzi. Zonin 1821 è proprietaria di tenute in tutta Italia (possiede circa 2mila ettari di vigne) e si prepara ad aprire il suo capitale a nuovi investitori. L’operazione dovrebbe concludersi entro l’estate, il nuovo socio in pole position è la A21 Asi, joint venture tra la società di Alessandro Benetton e il fondo Aberdeen  che potrebbe entrare con una quota del 30-40% legata ad un aumento di capitale. Si vedrà. Quel che è certo è che l’ingresso di nuovi capitali sarà finalizzato a potenziare il lavoro estero che già oggi rappresentano lo sbocco più prezioso della produzione aziendale.

Si passa in Piemonte per trovare al quinto posto  la Fratelli Martini, azienda piemontese, di taglio più commerciale, che doppia la performance dello scorso anno, registrando un ulteriore balzo avanti dei ricavi  nettamente superiore alla media, distribuito tra estero e Italia. L’azienda continua a investire, sta ampliando la gamma prodotti e ha azzerato l’indebitamento finanziario netto, registrando anche un miglioramento della redditività , legato tra l’altro all’incremento dei volumi.  L’ingresso in azienda di Eleonora Martini ha determinato più slancio verso una produzione elegante destinata a nuovi target prevalentemente giovani.

Al sesto e al settimo posto tornano due bandiere della cooperazione trentina: Mezzacorona e Cavit. Alle loro spalle aziende private che stanno andando al galoppo: Casa vinicola Botter, Enoitalia, Gruppo Santa Margherita, quest’ultimo si conferma tra le realtà più performanti del settore .

A quota 11 la Italian wine brands quotata in Borsa, quindi la coop La Marca vini e spumante che riesce a fare ancora meglio del già sorprendente risultato del 2016, totalizzando una crescita superiore al 30%. Dal 13mo al 15mo posto Cantina di Soave (che celebra i suoi primi 120 anni) , Collis e Terre Cevico portano a 8 il numero di cooperative presenti nel gruppo dei big. Chiude questa fascia over 100 milioni lo storico brand Marchesi Frescobaldi che ha concluso a fine 2017 l’acquisto di San Donato in Perano: l’azienda tra Gaiole e Radda in Chianti, rilevata all’asta pubblica dopo anni di conduzione dei vigneti, che ha permesso al gruppo di produrre anche nell’area del Chianti classico.

Tutti esempi, e non i soli, di un mercato del vino vitale, che costituisce il più rappresentativo comparto dell’export agroalimentare italiano 2017, macinando anche nell’ultimo esercizio il nuovo record di vendite all’estero vicino ai 6 miliardi. Un mercato che tiene in Italia (sia pure stringendo i denti) e attira capitali anche dall’estero: un esempio, tra gli altri, è l’investimento di oltre 100 milioni che il petroliere argentino Alejandro Bulgheroni ha fatto in Toscana, collezionando aziende a Montalcino, a Bolgheri e nel Chianti classico, creando una realtà operativa che già fattura 5 milioni e ha tanta voglia di crescere.  Insomma un mercato che non sta fermo (vedi anche Fontanafredda che è sbarcata da poco in Toscana) e che cattura un nuovo interesse per la terra di giovani, maschi e femmine, il cui entusiasmo e determinazione sta dando nuovo impulso a tante cantine protagoniste della classifica.

 

Redditività e vigne di proprietà

chi ha guadagnato di più nel 2017 e chi sono i maggiori viticoltori italiani?

    Graduatoria 2017 dal 10% in sù.

Graduatoria 2017 dal 10% in sù.

Partiamo dal parametro forse più interessante per le aziende private: quello che fotografa la migliore redditività espressa dal rapporto tra ebitda e fatturato superiore al 20%. Con un indice del 53,45%, vince anche quest’anno la Tenuta San Guido del marchese Nicolò Incisa della Rocchetta, vale a dire la celebre maison di Bolgheri dove nasce e dove è custodito il rosso Sassicaia, tra i vini più quotati al mondo. Il secondo posto è ancora una volta della Marchesi Antinori con un rapporto del 46,11% che cresce di ben 4 punti rispetto allo scorso anno, nonostante i continui investimenti aziendali e a fronte di un fatturato che ha superato i 200 milioni, sei volte superiore a quello della cantina di Bolgheri dei cugini Incisa della Rocchetta che vincono ogni anno la palma d’oro con la loro azienda gioiello.  Insomma, senza nulla togliere al brillante risultato della Tenuta San Guido, non c’è dubbio che realizzare una redditività superiore al 46% muovendosi con una dimensione di di tal fatta è indice di strategia operativa e qualità di gestione fuori dal comune.

Al terzo posto con un rapporto del 36,3%, si consolida la cantina siciliana della famiglia Cusumano, seguita dalla Marchesi Frescobaldi con il 32,86%. Alta redditività (31,95%) per il gruppo veneto Santa Margherita dei fratelli Marzotto che realizza questo risultato nonostante gli importanti investimenti realizzati anche nel corso dell’ultimo esercizio. Si confermano al sesto e settimo posto Castellani e Ruffino, seguiti all’ottavo posto dalla new entry Famiglia Cotarella con il 26,2%. Migliora di tre punti ed entra con il 25% Guido Berlucchi, la maggiore azienda della Franciacorta: osservando il trend degli ultimi tre anni, l’importante realtà franciacortina dei fratelli Ziliani mette in mostra uno dei più brillanti progressi.  La top ten della redditività si chiude a quota 24% con Agricola San Felice. Subito sotto, con il 23%, il Gruppo Lunelli e Umberto Cesari (in crescita), seguiti a un soffio dalla maison siciliana Donnafugata della famiglia Rallo che realizza il 22%.  

Ancora, con indici superiori al 20% la holding bresciana Terra Moretti, la nota cantina sarda Argiolas e la Masi agricola. Scendendo a quota 19%, il campionato della redditività incrocia due new entry di questa graduatoria: il gruppo Farnese guidato da Valentino Sciotti e la casa toscana Cecchi: l’azienda di Cesare e Andrea Cecchi è tra quelle che più stanno investendo nella produzione. Due aziende siciliane occupano il 19mo e 21mo posto: Tasca d’Almerita e Planeta. Tra loro si piazza Astoria vini una delle maggiori realtà private nell’area del Prosecco.

La tabella che raccoglie i risultati dell’ebitda negli ultimi tre anni comprende le aziende che hanno realizzato nell’ultimo esercizio un indice superiore al 10%. Come sempre non sono comprese le cantine cooperative i cui fini statutari sono l’aiuto ai soci e la migliore remunerazione delle uve che questi conferiscono alla cooperativa.

 

Tab5- Ettari di proprieta privati cEttari di proprieta coop Un Altro punto di osservazione interessante è quello che riguarda la proprietà dei vigneti. Quest’anno le classifiche sono due. Una è riservata alle aziende private e alle famiglie in particolare, e un’altra riguarda le cooperative, tenendo presente, ovviamente, che le vigne sono di proprietà dei soci della coop.

Partiamo dai privati.  Sul gradino più alto, come sempre, Marchesi Antinori di gran lunga la numero uno con 2.880 ettari in produzione: 200 ettari in più dello scorso a seguito degli ultimi acquisti realizzati in Toscana (la tenuta di Capraia a Castellina in Chianti e la Farneta a Sinalunga nel Chianti dei Colli senesi, che seguono l’acquisto del Castello di San Sano a Gaiole del 2015)  a riprova di come terra e vigna siano sempre l’asset decisivo della prestigiosa maison presieduta da Albiera Antinori.

Alle spalle della numero uno, solo tre aziende possono vantare una proprietà superiore ai mille ettari. Sono la Zonin 1821 (con 1990 ettari), la Marchesi Frescobaldi (1350 ettari, 100 in più del 2016) e la Banfi, la maggiore azienda di Montalcino della famiglia italo americana Mariani-May che proprio quest’anno festeggia i suoi primi 40 anni di attività nella preziosa terra del Brunello.

Al quinto posto con 900 ettari le Tenute Genagricola, il polo vitivinicolo delle Assicurazioni Generali che sotto il comando di Alessandro Marchionne sta letteralmente cambiando volto con l’ambizione di ricoprire un ruolo sempre più importante sul mercato. Segue Terra Moretti con 870 ettari seguita da Cusumano con 525 ettari. Entrano di diritto nella classifica delle prime dieci proprietà viticole Bertani Domains della famiglia Angelini (farmaceutici), il Gruppo Santa Margherita, che a seguito delle ultime acquisizioni moltiplica la sua estensione di vigneti conquistando il nono posto con 447 ettari e la campana Feudi di San Gregorio della famiglia Capaldo con 427 ettari.

Subito sotto c’è Tasca d’Almerita con 404 ettari (in crescita sul 2016), quindi Planeta con 380 ettari e Masi Agricola con 320 ettari.

Altre nove cantine vantano un’estensione di vigneti superiore ai 200 ettari. Tra queste Cecchi (298 ettari), Fratelli Martini, Tenute Piccini (l’azienda toscana ha potenziato di 30 ettari le sue proprietà vitate), Argiolas, Mastroberardino, Agricola San Felice, Umani Ronchi, Corte Giara, Gruppo Lunelli.

La classifica allarga lo sguardo fino ad una proprietà di 150 ettari. Nella fascia da 200 a 150 ettari si ritrovano altre 8 aziende, da Rocca delle Macie a Carpineto.

Passando nell’area delle coop, apre le danze Caviro, cui fanno capo oltre 34 mila ettari: un’estensione che non ha uguali in Italia e nel mondo, da cui derivano circa 5,4 milioni di quintali, conferiti da oltre 12.000 viticoltori, pari al 10% della produzione nazionale di uva.

Al secondo posto, con 10 mila ettari nell’area del Prosecco, ecco La Marca vini e spumanti,  seguita dalla siciliana Colomba  bianca (7.300) e dalla romagnola Terre Cevico (6.935).  Oltre 6 mila ettari rappresentano il serbatoio di uve del Collis Veneto wine group; Cavit e Cantina di Soave possono contare su 5.700 ettari, Settesoli su 5.232 e le Riunite su 4.907, cui si possono aggiungere i 687 appannaggio del Giv. Al decimo posto Vivo Cantine che è anche l’ultima coop che dispone di più di 4 mila ettari. Si scende a 3.500 ettari con la trentina Mezzacorona  e si passa a 2400 con la pugliese Cantina Due Palme. Completa questa graduatoria altre 10 coop che possono vantare un’estensione di vigneti compresa tra i 2.200 ettari di Cantine Vitevis fino ai 1.015 ettari della Cantina sociale Valtidone. In questa fascia troviamo anche la veneta Viticoltori Ponte (2.100 ettari), la laziale Gotto d’Oro con 1300 ettari, la marchigiana Terre Cortesi Moncaro

Bottiglie, export, fatturato, new entry

Bottiglie prodotte Privati Bottiglie prodotte coop

Altri parametri interessanti: il numero di bottiglie che quest’anno riguarda anche le cooperative, la quota di export sul fatturato totale e l’incremento del fatturato totale ed estero.

Partiamo dalle aziende private. Con una produzione di 98 milioni di bottiglie, 10 milioni in più dello scorso anno,  è l’Enoitalia della famiglia Pizzolo, l’azienda al vertice della graduatoria stilata in base al numero di bottiglie prodotte. Al secondo posto di questa classifica si consolida la Casa vinicola Botter Carlo con 86 milioni (+ 5 milioni sul 2016), mentre al terzo  si piazza la Fratelli Martini con 84 milioni (+6 milioni sul precedente esercizio).

La top ten di questa classifica trova al quarto posto il Mondodelvino group con 63,5 milioni, seguito dalla Schenk Italian Wineries con 55,6 milioni e Zonin 1821 con 51 milioni. Scende a 48 milioni la Italian wine brands, ne produce più di 34 la Casa vinicola Caldirola, 29 Cielo e Terra e poco più di 26 la Ruffino che sale di un posto in graduatoria scambiandosi il posto con Villa Sandi, undicesima con 25,5 milioni di bottiglie.

La graduatoria raccoglie tutte le cantine che contano una produzione da 11 milioni di bottiglie in sù. Complessivamente si tratta di 30 marchi, tra queste Mionetto (più di 24 milioni), Chiarli 1860 (21 milioni), Tenute Piccini, Spumanti Valdo e Pasqua Vigneti e cantine (più di 15 milioni), ancora Banfi e Bottega (14 milioni), Sgarzi Luigi (13 milioni), Fontanafredda e Duca di Salaparuta (11 milioni).

Passando al comparto coop, troviamo al vertice la Caviro con più di 254 milioni di bottiglie, ma se si considera l’apporto del controllato Giv, il primo posto tocca di diritto alle Cantine Riunite & Civ con un totale di 303,1 milioni di bottiglie. In terza posizione Terre Cevico con più di 72 milioni.

Al di sotto del podio, la produzione è compresa tra i 49 milioni del Gruppo  Mezzacorona e o 10 milioni di Cantina Due Palme. Sono in tutto 21 le coop con una produzione superiore ai 10 milioni. Tra queste, troviamo La Marca a quota 42 milioni, Cantine Settesoli con 21,5, Cantine Tollo con 11 milioni.

 

Quota fatturato esteroPassiamo all’export e precisamente al peso delle esportazioni sul fatturato totale delle aziende. Chi sono i maggiori esportatori a fine 2017?

In vetta alla graduatoria c’è Adria vita, braccio commerciale della coop piemontese Araldica Castelvero che con il suo 98,40% opera in pratica solo all’estero. Segue con il 96% la Casa vinicola Botter condividendo la seconda posizione con le Cantine Luigi Sgarzi. Sul terzo gradino altre due aziende con oltre il 93%: Farnese group e Ruffino.

Sotto il podio, troviamo altre 23 aziende titolari di una quota export superiore al 70% del giro d’affari. Castellani e la new entry Cantine Volpi sfiorano il vertice con più del 90%. Ben 13 cantine esportano per più dell’80%: da Fratelli Martini e Carpineto che sfiorano il 90% a Pasqua con l’87,4%, da Zonin con l’86%a Bottega con più dell’82%, fino a Umani Ronchi ( 74%), Tenuta San Guido (72,8), Sartori (72%), Cantine riunite con il 70% (ma il Giv esporta per 76,3%).

Variazione fatturato totale

Variazione fatturato estero Uno sguardo alle graduatorie che fotografano l’andamento del giro d’affari, rivela che sono tante le aziende che stanno crescendo a ritmi superiori alla media. In particolare, nelle classifiche realizzate sulla base degli incrementi del fatturato, totale ed export, si fanno largo le cooperative conquistando varie posizioni. Nella top ten del fatturato totale le coop sono 5 a cominciare dalle due al vertice, Cantina Caldaro e La Marca. Al terzo posto c’è la new entry Salvaterra.

Altre lepri 2017: Cantine 4 Valli, Farnese group, Cantine Sgarzi ed Enoitalia e il tris di coop Cantina Due Palme, Cantina sociale di San Martino in Rio e Cantina di Carpi e Sorbara.

Sul fronte export spiccano le performance di 4 coop: La Marca, Viticoltori friulani La Delizia (dal 1 agosto sarà guidata da Marco Rabino), Tramin e Colterenzio. Ma a dettare legge su questo tavolo è la privata Varvaglione 1921 che ha girato l’esercizio con una crescita monstre del 61%, seguita da Cantine 4 Valli, Farnese, le Tenute Genagricola o ancora Cielo e Terra.

 

Le new entry

Sono 4 le new entry nella graduatoria 2017. Oltre alla più grande Mionetto di cui abbiamo già detto (23ma, con 78,5 milioni), c’è Salvaterra al 59mo posto: giovanissima azienda veneta privata in soli tre anni di vita già vanta 29,5 milioni di fatturato. 700 ettari di vigneti di cui 265 di proprietà a conduzione diretta, 8 tenute, 2 centri di produzione, l’azienda  guidata dall’ad Paolo Fontana si è concentrata su tre tipologie di vino:  Amarone, Prosecco e Pinot grigio.

A quota 79 con 18,3 milioni di fatturato troviamo l’importante cooperativa Terre di Barolo: è una grande realtà delle Langhe con sede a Castiglione Falletto (Cuneo). Presieduta da Paolo Boffa e diretta da Stefano Pesci l’azienda conta 300 soci per 600 ettari di vigneti distribuiti in tutti gli 11 comuni della Docg.

Infine la più piccola Cantine Volpi, al 103mo posto con 10,9 milioni: di proprietà della famiglia Volpi che la conduce da quattro generazioni, l’azienda guidata oggi da Carlo Volpi è il punto di riferimento nella produzione dei Colli Tortonesi e vanta tra i suoi punti distintivi una linea Bio che copre il 70% della produzione totale, diretta, come si è visto, principalmente all’estero.

Tab7- Campione per regione cUn’occhiata infine alla composizione del nostro campione suddiviso per regione. Come si può vedere, a portare più acqua al mulino della classifica è il Veneto con ben 31 aziende. In termini di fatturato segue l’Emilia Romagna con 11 cantine ( e tra queste ci sono parecchie over 100 milioni) , quindi è la volta della Toscana con 13 aziende per un totale di 756 milioni. Appena sotto il podio ecco il Piemonte con 544 milioni, quindi il Trentino con 684 milioni. Sono le magnifiche coop altoatesine, punta avanzata della cooperazione nazionale, a portare oltre i 100 milioni il peso della loro regione, ed è sempre una coop l’unica rappresentante in classifica del Lazio. La cooperazione è invece completamente assente in Campania, Lombardia e Umbria .    

Top 10 GDO

Sempre più difficile. La vendita di vino attraverso i canali della grande distribuzione organizzata (Gdo) mette a dura prova capacità e nervi delle cantine italiane. Migliaia di etichette sugli scaffali, dura concorrenza sui prezzi, promozioni continue, riducono i margini operativi delle aziende e impongono una continua guerra di posizione: passa infatti da questo canale più del 75% del vino che si consuma nel Bel Paese.

Come è andata nel 2017? L’Istituto di ricerca Iri, che ogni anno fotografa per conto del Vinitaly i consumi di vino nella grande distribuzione, mette a fuoco prima di tutto due dati: gli italiani hanno acquistato in totale 648 milioni di litri tra vini fermi, frizzanti e spumanti e hanno speso in totale poco più 1,8 miliardi di euro. In pratica, hanno consumato lievemente meno (meno 0,2% in volume), confermando un trend che va avanti ormai da anni, ma hanno speso circa il 2% in più, a conferma che si beve meno, ma meglio. In particolare, il prezzo medio a litro del vino confezionato è stato di 2,85 euro, per salire a 4,54 euro quando si tratta di bottiglie più pregiate (doc, docg e igt ), pari a un aumento di oltre il 2% sul 2016. Interessante notare, secondo l’Iri, bibbia del settore, l’impegno delle catene distributive finalizzato al recupero dei valore dei vini.

Top GDO 2017

TOP TEN nella GDO
Stima delle quote di mercato dei dieci maggiori operatori nella Gdo
sul totale delle vendite del vino confezionato

Sarà interessante vedere se questo processo di stabilizzazione dei valori potrà essere compromesso dall’atteso rincaro dei prezzi conseguente alla scarsa vendemmia 2017.

Ma cosa è entrato nel carrello della spesa? Un po’ di tutto, a cominciare dal vino rosso fermo, di gran lunga la tipologia di vino più venduta.

Tra i rossi guidano le danze il Lambrusco (amato rosso di Emilia Romagna e Lombardia), il toscanissimo Chianti e il Montepulciano d’Abruzzo, di gran lunga campioni del mercato. Ma in questo tris d’assi, l’unico a segnare un incremento sia in volumi che in valore è il Chianti che vanta anche un prezzo medio a bottiglia decisamente superiore. Passando tra i bianchi preferiti, tira la volata l’internazionale Chardonnay (che flette però in volumi e valore), seguito dal Vermentino, nelle sue tre declinazioni sarda, ligure e toscana, che sta marciando a spron battuto. Tra le tipologie che vantano incrementi di vendite a due cifre ci sono il Grillo siciliano, il Primitivo pugliese, l’Ortrugo dei colli piacentini, la Ribolla friulana, il veneto Valpolicella Ripasso, il Cortese piemontese, la Passerina marchigiana, il Chianti classico toscano, il Cannonau sardo, il Pecorino abruzzese e marchigiano e la Falanghina campana.

Ferma la supremazia del comparto dei rossi in fatto di volumi e valori, va detto che nel 2017 sono state più vivaci le vendite di vini bianchi fermi, di rosati, di etichette doc e novità regionali, e naturalmente di spumanti: di gran lunga la tipologia superstar del mercato italiano cresciuta del 4,9% in volume e del 6,7% in valore.

Fin qui i vini più gettonati. Ma quali sono le aziende più forti nella grande distribuzione?

Non esiste una graduatoria ufficiale, rigorosamente top secret. .

Ma tenendo conto delle etichette e dei marchi più familiari negli scaffali è possibile costruire una speciale top ten della Gdo. Ecco nella tabella qui accanto la numero uno Caviro, mamma fortunata del Tavernello e dei vini Botte buona che alimentano una quota di mercato superiore al 7% in valore (equivalente a un fatturato di oltre 100 milioni di euro) che sale fino al 13 % sul volume dei litri venduti. Al secondo posto si piazza il Giv, per il quale è più alta la quota in valore (vicina al 4%) e più bassa quella in volume (circa il 3% ) a riprova di una tipologia di vini di taglio superiore: Cavicchioli, Rapitalà, Tura Lamberti, Bigi. I frizzanti Maschio, il Pignoletto e il Lambrusco Righi e il frizzante Garzellino tirano la volata delle Cantine Riunite & Civ, titolare di una fetta di mercato sicuramente superiore al 3% sia in volumi che valore.

I ricavi di Giv e Riunite oscillano tra i 50 e i 60 milioni, mentre secondo gli esperti, scendendo al di sotto dei primi tre, si passa a fatturati da 30 milioni in giù.

Seguono i Due Tigli del gruppo Terre Cevico che si aggiudicano una quota di mercato del 4% in volume ( inferiore al 2% in valore). La grande coop romagnola spopola sugli scaffali con i vini san Crispino, Galassi, Terre Cevico.

Al quinto posto troviamo Caldirola (vini La Cacciatora, Gattopardo) che dopo un anno di forte crescita, ha registrato una frenata nelle vendite: si colloca al di sotto del 2% in termini di valore, superando il 2% in fatto di litri venduti.

Al contrario va al galoppo Cavit (suoi i vini Mastri vernacoli e Muller spumante) le cui quote di mercato scavalcano l’1% in valore per scendere al di sotto dell’1% sui volumi.

Mauro e Anselmo Chiarli (3)

Mauro e Anselmo Chiarli

Segue la casa vinicola Natale Verga (circa il 2% sul volume totale del venduto e poco più dell’1% sull’incasso), quindi la Cielo e Terra: è sua la nota etichetta Freschello principale alimento delle sue quote di mercato pari a circa l’1,5% sia sui volumi che sul fatturato. Quote di mercato analoghe anche per Chiarli, marchio storico che compete sugli scaffali con vini come il Lambrusco Villa Cialdini e il Pignoletto Tenute Monteveglio, tra le poche aziende capaci di registrare un aumento delle vendite in valore.

Cesare e Andrea Cecchi

Cecchi, Cesare e Andrea

Ma il vero exploit nella top ten della Gdo è della Cecchi, l’azienda toscana presente negli scaffali con linee di vino dedicate come il Morellino La Morra, ha messo a segno i maggiori incrementi in assoluto (nell’ordine del 10%) sia in termini di fatturato che di volumi vantando anche un prezzo medio tra i più elevati (porta il suo nome anche l’etichetta di Chianti preferita).

firma-anna-di-martino-long

© Anna Di Martino, 2018 , tutti i diritti riservati. Qualsiasi riproduzione dei dati deve essere autorizzata.

Thanks for downloading!

Top