La classifica 2016

L'Economia del corriere della sera 24-7-2017 (pdf)

L’Economia del corriere della sera 24-7-2017 (pdf)

Più di 5,8 miliardi di fatturato, 145mila ettari di vigne, 11.297 dipendenti, 2 miliardi di bottiglie. Sono i punti cardinali delle 107 maggiori aziende vitivinicole italiane protagoniste della classifica 2016. Questa speciale ed esclusiva graduatoria, realizzata sulla base dei bilanci dell’ultimo esercizio, fotografa un campione sempre più significativo dell’industria italiana del vino che pesa per il 45,8% sul giro d’affari totale del settore, alimenta per oltre il 61% le esportazioni e si aggiudica circa il 40% delle vendite sul mercato domestico. In particolare le aziende in graduatoria hanno chiuso l’ultimo esercizio con una crescita del loro fatturato complessivo del 6,3%, percentuale che scende al 4,66% sulle vendite Italia (segnando comunque un forte progresso rispetto allo scorso anno) e sale fino al 7,47% all’export, contribuendo in modo decisivo allo sviluppo vivace del mercato oltre frontiera. L’export definitivo, calcolato dall’Osservatorio del vino, registra infatti nel 2016 il nuovo record di 5,6 miliardi, grazie a un incremento degli affari del 4,3%.

Anche nella graduatoria 2016 convivono aziende di dimensioni e caratteristiche molto diverse: realtà squisitamente produttive e marchi di taglio industriale e commerciale. Più della metà sono aziende private (e in larga parte a controllo familiare), ma aumenta ogni anno il numero delle cantine cooperative: quest’anno sono 46 e rappresentano il 44,3% del fatturato totale del campione, il 35,3% dell’export e il 57% del lavoro in Italia.

Nella tabella la graduatoria delle 107 maggiori imprese vitivinicole italiane con più di 10 milioni di fatturato 2016 (da bilancio civilistico, consolidato o aggregato) L’ebitda, margine operativo lordo, è in cifra assoluta e in percentuale sul fatturato. L’Ebit è l’utile operativo netto, prima di imposte e oneri finanziari. Per le coop i valori dell’Ebitda e dell’ Ebit, normalmente molto bassi o non comunicati, hanno modesto significato, perché la missione delle società cooperative non è quello di fare profitti, ma di pagare al meglio il costo delle uve conferite dai soci. La posizione finanziaria netta indica l’indebitamento netto o la liquidità dell’azienda (segno più davanti alla cifra). Nel caso delle cooperative gli ettari vitati sono di proprietà dei soci. Le variazioni percentuali dei fatturati sono calcolate senza tenere conto di incrementi o decrementi non comparabili.
Il numero accanto alla cantina indica il suo posto in classifica.
Qualsiasi riproduzione dei dati deve essere autorizzata.
Azienda Vitivinicola
Fatturato in milioni 2016
Fatturato in milioni 2015
Variazione % 2016/2015 TOTALE
Variazione % 2016/2015 ITALIA
Variazione % 2016/2015 ESTERO
Export
(in milioni)
Export
in %
Ebitda
(in migliaia)
Ebitda
%
Ebit
(in migliaia)
PFN
(in migliaia)
Investimenti
(in migliaia)
N¡ Bottiglie
(in milioni)
Ettari vitati
proprietˆ
Ettari vitati
affitto
Dipendenti
n.
Acquisti % sul totale Uve
Acquisti % sul totale Vino
 
 
1
Cantine Riunite & Civ
566,1547,43,605,802,70377,066,6044.5817,8825.635-176.42624.056205,74.8966531.09620,2827,02
di cui: Gruppo Italiano Vini
365,0358,07,003,701,40278,076,0028.5647,8017.930-117.4009.67783,468765380950,0025,00
2
Gruppo Caviro
227,2226,00,54-1,635,5272,331,807.2233,20844-25.2414.758258,737.7999036883,6025,90
3
Zonin 1821
193,0186,04,00-3,405,00165,086,0014.3637,4010.68562.6773.10150,21.99003024,4040,20
4
Marchesi Antinori
192,2185,63,507,450,98109,664,0087.00042,3066.000-11.50021.40023,52.68113143710,0010,00
5
Cavit
177,9166,86,653,027,56143,680,707.0003,902.90021.0001.58270,05.70002270,002,30
6
Fratelli Martini
173,9159,59,008,689,04156,089,7011.1306,408.563-13.6003.34478,0295010017,5082,50
7
Casa Vinicola Botter Carlo & C.
165,0154,56,80-46,5010,10159,796,9021.50013,0021.250-20.0509.97081,8155101270,00100,00
8
Gruppo Mezzacorona
163,4174,7ncncnc137,384,0015.8069,676.166-120.7703.75945,03.50004410,000,00
9
Gruppo Santa Margherita
157,0118,232,909,0647,60107,968,7054.57134,8047.100-62.29927.54818,919318129124,1075,90
10
Enoitalia
147,5135,09,7028,934,33110,074,308.8056,006.941-11.8423.25488,300950,00100,00
11
Italian Wine Brands
146,0145,01,00-6,007,00105,172,0011.3207,806.051-10.4701.00045,00021217,0083,00
12
Cantina di Soave
116,0106,09,4319,000,0045,039,007.7836,702.29321.9286.87935,05.60001740,006,00
13
Gruppo Cevico
110,7112,6-1,69-1,89-1,1530,927,925.8745,312.16620.4942.20872,06.815452470,008,90
14
Schenk Italian Wineries
108,3100,57,003,569,2880,173,90ndndndnd057,3162088ndnd
15
Collis Veneto Wine Group
106,0104,02,000,0020,0028,026,428.1007,703.270-26.2535.69818,06.700016766,0025,00
16
Marchesi Frescobaldi
101,295,16,416,403,1063,168,0034.50034,1025.500-11.50012.40011,21.27010056510,008,00
17
La Marca Vini e Spumanti
101,075,633,7212,3939,4380,179,331.7481,70171-7.6934.66335,09.0000550,0013,00
18
Ruffino
98,792,56,781,007,3192,393,4926.48526,8321.8224.8955.86824,9047215818,0055,00
19
Mondodelvino Group
97,091,06,20-10,009,0084,487,008.0008,204.200nd4.63963,018602301,0099,00
20
Villa Sandi Spa
87,772,620,7021,3020,3045,051,308.5009,707.400-6.5001.75026,01601.8508740,0060,00
21
Gruppo Lunelli
86,073,018,0015,0025,0025,029,0019.00022,00nd-19.50010.50010,02005522050,0020,00
22
La Vis
76,383,5-8,60-7,80-11,7056,574,005.0036,601.704-45.477nd31,57730150ndnd
23
Banfi
72,073,7-2,320,70-4,8039,554,8611.50016,005.500-23.0006.50014,51.0001733510,0030,00
24
Terra Moretti
64,638,6ncncnc12,920,0014.60022,6010.066nd5.1259,01.0841853200,000,00
25
Masi Agricola
63,960,95,0040,000,0053,984,0015.37224,0010.071-6.57613.473nd329671290,000,00
26
Tenute Piccini
62,855,513,0657,564,9049,278,408.40013,406.600ndnd15,32005505217,0028,00
27
Cantina Viticoltori Ponte
57,050,413,0019,002,0017,029,002.8154,90577-13.5443.53417,02.0000660,010,17
28
Spumanti Valdo
56,252,66,848,155,5328,450,503.8926,903.120-6.84850915,501605617,7082,30
29
Fontanafredda
54,552,04,803,105,5020,437,408.30018,006.000-31.5004469,9722915034,0012,00
30
Casa Vinicola Caldirola
54,455,3-1,55-5,008,5015,628,70ndndndnd30035,90054nd100,00
31
Farnese Group
54,250,37,740,673,2052,496,7010.67019,709.220-7603.24617,4008722,0078,00
32
Bottega
53,549,09,183,0011,0044,082,205.10010,004.1555.6751.20013,811221450,0050,00
33
Cantine Settesoli
50,251,9-3,21-9,856,6222,344,40ndndnd-15.3242.62720,95.36201700,000,00
34
Vi.V.O. Cantine
49,639,027,1329,09-21,421,02,002.0844,20770-3.0353.3911,83.2230560,000,40
35
Casa Vinicola Bosco Malera
48,836,533,7110,0859,9837,176,001.4082,90430-10.6843.30824,900430,00100,00
36
Pasqua Vigneti e Cantine
48,340,718,101,5018,9042,188,005.02910,403.637-18.66838915,01002006524,0051,00
37
Castellani
48,044,38,452,106,3543,791,0014.63130,5013.4624.7271.45221,61900540,0074,00
38
Viticoltori Friulani La Delizia
46,138,021,2917,6827,6018,941,001.8494,00672-29.64811.23725,92.0001197355,0014,40
39
Astoria Vini
45,343,34,509,300,5013,531,008.97020,008.1384.6081.52711,740605570,0030,00
40
Casa Vinicola Sartori
45,346,3-2,00-1,60-2,4034,075,002.9006,402.200-5.30039017,0252.8004920,0035,00
41
Cantina Produtt. Valdobbiadene
41,837,910,369,9711,4711,226,802.5066,001.3618.6512.52412,787504997,702,30
42
Terre d'Oltrepò (+ La Versa)
41,547,7-12,980,000,004,210,00ndndndndnd0,0000ndnd
43
Guido Berlucchi
41,040,31,601,338,521,53,808.98622,007.08511.4956184,285400101100,000,00
44
Cantina Tollo
40,437,08,9813,651,996,315,391.9184,753519.27488310,600670,001,50
45
Araldica Castelvero
40,239,51,64-17,069,6330,375,604.04210,103.119-5.4091.27613,873608443,6056,40
46
Duca di Salaparuta
40,139,32,112,89-0,698,420,965.49713,70ndnd2.85411,0120419580,000,00
47
Cielo e Terra
39,038,02,00-11,0011,0024,061,0037,702.300nd98129,000650,00100,00
48
Cantine Vitevis
38,028,036,0027,0045,009,626,00ndndnd1.4939776,02.20004845,0013,00
49
Cecchi
36,736,21,381,621,1317,948,775.83515,905.0499708008,0298719325,0030,00
50
Zenato
36,535,52,8612,2310,0527,976,702.5256,901.550-1.2041.7876,72024459,6075,40
51
Cantina Valpolicella Negrar
35,131,710,8917,003,0019,455,00ndndndnd6187,46930380,0012,00
52
Toso
35,137,5-6,4010,80-11,0019,961,206.15717,504.3976.84331019,0905995,0045,00
53
Corte Giara
33,730,111,9676,925,8229,186,006.12018,10ndnd2.6904,7206781006,100,00
54
Cantine Sgarzi Luigi
33,427,123,210,0023,2133,199,00ndndndnd1.5909,01000202,0098,00
55
Chiarli
33,434,5-3,394,91-17,9310,330,90ndndndndnd21,01100580,0093,00
56
Colomba Bianca
31,529,08,6011,60-3,004,313,601.6945,30371-14.8811.1001,37.2600194,803,00
57
Cantina di Rauscedo
31,123,432,7336,88-23,071,34,201.4384,6032418.8282750,11.4500310,000,00
58
Citra Vini
30,828,57,7913,003,0915,450,201.3284,30288-5.91169121,500580,0014,60
59
Tenuta San Guido - S.A. Citai
30,628,09,534,155,3821,770,7016.85555,0016.18819.2706651,2801017210,0010,00
60
Fantinel
27,626,82,681,784,499,333,802.1827,90nd-10.1851625,0185163335,1020,40
61
Feudi di San Gregorio
27,026,03,785,120,006,524,004.70017,502.500-24.5004.0004,142013017044,000,00
62
Cantina Montelliana e dei Colli Asolani
27,022,023,0020,0025,0015,055,00ndndndnd1.58813,000350,000,00
63
Bertani Domains
24,623,83,404,002,0013,856,00ndndndnd1.8003,9440014080,0020,00
64
Terre Cortesi Moncaro
24,124,7-2,413,50-8,0010,644,005.14021,301.21725.8603107,31.3500623,0011,50
65
Cantina Due Palme
23,126,1-11,00-9,00-2,0011,048,00ndndndnd2.0008,02.4000800,0012,30
66
Rocca delle Macie
22,822,51,002,001,0012,455,002.28010,00ndnd4503,8189109020,000,00
67
Terre da Vino
21,422,0-2,700,00-5,0011,754,609694,50312nd2014,85.0000310,000,00
68
Cantina di Carpi e Sorbara
20,527,9-26,31-28,551,442,512,201.4136,90411-10.6832.3302,42.23703597,003,00
69
Adria Vini
20,322,2-8,52-32,64-8,1720,198,903541,70353-7.770012,20000,00100,00
70
Le Chiantigiane
20,022,0-8,33-6,37-15,163,819,006003,0143-1.03422111,000430,0022,40
71
Carpenè Malvolti
20,019,52,52-7,003,009,250,707774,3026211.5722.3945,000350,00100,00
72
Umberto Cesari
19,218,53,701,004,0016,385,004.40822,00nd4.6301.0003,71701803915,000,00
73
Montelvini
19,218,63,235,012,434,020,901.6698,701.134-3.2957974,33504315,0085,00
74
Cant. Prod. San Michele Appiano
19,018,04,003,0010,003,518,40ndnd334nd9003,13800390,000,00
75
Conte Tasca d'Almerita
18,617,09,545,0013,009,752,003.73819,003.29519.4632.0013,6386486910,000,00
76
Cantina Prod. Bolzano
18,518,12,202,800,003,518,90ndnd571nd5.1003,63360310,000,00
77
Cusumano
17,316,73,700,003,7010,359,606.06535,003.120nd2.1003,35203150,000,00
78
Argiolas
16,815,48,004,6019,006,538,003.35120,001.536-16.3801.4002,523004130,000,00
79
Donnafugata
16,715,38,0010,006,004,227,003.96821,001.297-8.9032.5612,21801919220,008,00
80
Cantina Sociale ValTidone
16,415,19,008,81-69,900,00,101.4899,10649-5.1372435,61.0270280,106,40
81
Alois Lageder
16,415,79,9512,008,4810,558,302.0190,121.138nd5562,7501104768,6031,40
82
Barone Ricasoli
16,115,81,621,621,6212,075,002.63816,00748-17.6121.9533,22091914020,0040,00
83
Varvaglione Vigne e Vini
16,013,023,5050,0050,008,050,001.5349,591.178-5.5973003,5201502580,007,90
84
Vivallis
16,012,033,0033,000,000,00,001.2527,8017.260-5.2004040,28140161,304,70
85
Gotto d'Oro
15,816,8-6,00-9,002,000,86,00no lucrono lucrono lucro5.6005006,31.4000310,000,00
86
Azienda Planeta
15,014,34,7011,85-0,901,38,594.00726,602.8892.50002,438241260,000,00
87
Cantina Sociale di San Martino in Rio
15,017,0-12,00-10,00-2,001,06,00ndndndnd2.5000,21.0000180,005,00
88
Cantina Vecchia Torre
14,913,87,616,3010,405,134,608685,853962.1651.1242,71.2000130,605,80
89
Marchesi di Barolo
14,414,21,405,00-1,108,357,702.49315,702.101-3.4617241,996115310,0014,30
90
Carpineto Srl
14,013,53,7018,002,0012,588,002.19215,661.9191.6684.6003,01507060ndnd
91
Cantina Toblino
13,813,23,933,930,000,00,007406,0077157980,47840150,000,00
92
Cantina Caldaro
13,712,59,007,002,003,219,00ndnd2432291.2702,22850340,008,50
93
Vecchia Cantina di Montepulciano
13,414,9-10,10-25,0211,186,849,101.2239,20292-11.315500,095004994,006,30
94
Cantina Colterenzio
13,312,38,155,909,803,125,001.1979,00259-9232002,93000372,6518,00
95
Azienda Vinicola Falesco
13,211,613,5610,0018,005,743,303.14923,902.3165239763,4120606530,0030,00
96
Bortolomiol
13,011,413,6416,969,893,224,70ndndndnd3.0002,05026ndnd
97
Cantina Tramin
13,012,35,355,662,612,418,00ndndnd-1.2714771,82710260,000,00
98
Cantina Castelnuovo del Garda
12,812,42,000,000,003,932,00ndndndnd03,58300251,506,00
99
Mastroberardino
12,712,70,400,50-1,002,620,502.10016,50950-3.0007502,02301004535,000,00
100
Marchesi Mazzei
12,612,13,996,362,677,559,401.76514,00833nd8881,4172037ndnd
101
Le Tenute di Genagricola
12,411,210,3011,207,703,630,001.80011,00ndndndnd9000350,000,00
102
Umani Ronchi
12,111,55,007,503,509,177,002.50020,001.600-2.0001.2003,2212425822,0010,00
103
Cantina Mori Colli Zugna
12,011,01,001,000,000,00,002302,001153601300,26000140,002,00
104
Società Agricola San Felice
11,011,3-3,214,24-7,455,852,902.71224,701.1342.21701,32150650,5019,50
105
Cantina Santadi
10,510,31,659,0015,003,230,001.1790,1193-9972.0191,54750305,001,60
106
Cantine 4 Valli
10,48,917,002,0032,005,856,0098810,00608ndnd6,510025035ndnd
107
Gruppo Lungarotti
10,311,8-12,56-6,001,003,330,001.30011,00004002,52500452,001,00
Totali 2016
5.866,05.518,36,307,474,663.428,158,44671.70511,45450.844-600.904293.3471.996,6145.1449.99811.297-------------

NOTE

I campioni di etichetta (il numero accanto alla cantina indica il suo posto in classifica)


Privati e coop rappresentano mondi diversi, si sfidano sul territorio e sono di fatto lo specchio dell’industria nazionale del vino che a dispetto di un contesto difficile e competitivo, continua a mostrare una gran voglia di fare e di fare bene, continua ad attirare capitali, continua, in una parola, a piacere. Lo dimostrano anche i risultati della classifica in queste pagine che, mai come quest’anno, contiene tante new entry e interessanti novità.

Le prime 2 coop

Corrado Casoli, presidente Cantine Riunite & Civ e Giv

Corrado Casoli, presidente Cantine Riunite & Civ e Giv

Simonpietro Felice neo DG cavro dal 1°luglio, ha raccolto il testimone da Sergio Dagnino per 16 anni alla guida della coop
Simonpietro Felice neo DG cavro dal 1°luglio, ha raccolto il testimone da Sergio Dagnino per 16 anni alla guida della coop

I primi 2 privati

Le prime tre private, Piero Antinori con le figlie (da sx) Albiera, Allegra , Alessia

Piero Antinori, presidente onorario, con le figlie (da sx) Albiera, presidente, Allegra e Alessia

Francesco Domenico e Michele Zonin

(da sx.) Francesco Domenico e Michele Zonin

A cominciare dal vertice dove è aumentato il numero di aziende che vantano più di 100 milioni di fatturato. Sono ben tre le cantine che sono riuscite ad agganciare il gruppo di testa. Una si è piazzata a quota 14, con 108,3 milioni di fatturato ed è anche una novità assoluta per la classifica: entra infatti per la prima volta in graduatoria la Schenk italian Wineries, filiale del gruppo svizzero Schenk che compie quest’anno 65 anni di attività in Italia. Sede in Alto Adige, il gruppo guidato dal ceo Daniele Simoni opera in varie regioni attraverso accordi con viticoltori locali e possiede cantine in Veneto e Toscana. Schenk Italian wineries è una delle tre aziende in classifica che fa capo a capitali stranieri assieme alla Ruffino, satellite dell’americana Constellation brands e all’Agricola San Felice che fa parte del gruppo tedesco Allianz.

Sono invece abitué della graduatoria le altre due cantine entrate di diritto nel club degli over 100 milioni: una è la storica casa toscana Marchesi Frescobaldi, al sedicesimo posto con 101,2 milioni e l’altra è la coop veneta La Marca vini e spumanti, specializzata nella produzione di Prosecco. Vale a dire le bollicine superstar del settore spumantistico nazionale, che nel 2016 hanno registrato da sole un incremento dei volumi del 23,9% e un incremento del valore del 32,3 %, mettendo il turbo a tutte le cantine del nord est che operano in questo segmento operativo, a cominciare appunto da La Marca, titolare di un aumento del giro d’affari del 33,7%.

Con i tre nuovi ospiti, la tavolata dei superbig sale quindi da 14 a 17 commensali, e tutto lascia immaginare che il prossimo anno sarà necessario aggiungere nuovi posti a tavola: occhio in particolare alle mosse della Ruffino, oggi diciottesima con un fatturato che sfiora i 100 milioni o a quelle del Mondodelvino Group che in pochi anni ha messo insieme un fatturato di 97 milioni.

L’effervescenza attorno all’ambito traguardo dei 100 milioni non turba il vertice del mercato, dominato da due campioni assoluti del mondo cooperativo: le Cantine riunite & Civ, 566 milioni di fatturato, irraggiungibili da quando hanno in pancia il Gruppo italiano vini (di gran lunga il maggiore singolo attore del settore) e la Caviro (227, 2 milioni nell’area vino e 304 di consolidato), prima filiera vitivinicola a livello mondiale, anche leader nella grande distribuzione organizzata. Si consolida al terzo posto il gruppo veneto Zonin 1821, prima realtà privata del mercato con cantine e vigneti in tutta Italia. Quarto posto per la griffe toscana Marchesi Antinori che porta in classifica il fatturato di 192,2 milioni relativo al solo core business vino, pur disponendo di un consolidato che tocca i 218 milioni. In quinta posizione si scambiano il posto le coop trentine, eterne rivali, Cavit e Mezzacorona: quest’ultima scende in ottava posizione a causa di un bilancio basato su soli 11 mesi e quindi non raffrontabile. Sempre nell’area big si fa notare l’exploit del fatturato del gruppo Santa Margherita cresciuto del 32,9% grazie all’incredibile spinta realizzata sui mercati esteri ( +47,6%) a seguito, in particolare, della riorganizzazione realizzata negli Usa con l’avvio della nuova controllata a Miami e la commercializzazione diretta di tutti i brand. Molto interessanti, tenuto conto dell’entità del giro d’affari, gli incrementi realizzati da Cavit, Fratelli Martini, Casa vinicola Botter Carlo, Enoitalia, Cantina di Soave.

Scendendo al di sotto del gruppo di testa, le prove di un mercato in movimento non diminuiscono, anzi. Basta guardare i numerosi progressi sopra la media, dovuti anche a ristrutturazioni interne. E’ per esempio il caso di Villa Sandi, al ventesimo posto con 87,7 milioni: la maison veneta della famiglia Moretti Polegato si affaccia per la prima volta in classifica, dopo aver assorbito La Gioiosa (sempre presente negli anni scorsi) di cui ora ha preso il posto. Cresce del 18% il fatturato del Gruppo Lunelli (86 milioni): la realtà trentina guidata da una delle più note famiglie del vino italiano, proprietaria, tra l’altro, delle Cantine Ferrari, si presenta con il suo primo consolidato che comprende integralmente Bisol, brand di punta del Prosecco che per questo non compare più direttamente in graduatoria (ciò vale anche per la veneta Gerardo Cesari compresa nel consolidato di Caviro). Un altro exploit, dovuto a una delle più importanti operazioni dello scorso anno, è firmato Terra Moretti. La holding bresciana, di proprietà della famiglia Moretti, ha moltiplicato la sua dimensione acquistando dal gruppo Campari, attraverso il braccio Terra Moretti distribuzione, la Teruzzi & Puthod di San Gimignano in Toscana e la Sella & Mosca di Alghero, in Sardegna: quest’ultima un’azienda storica cui fa capo un vigneto tra i più grandi in Europa: ben 550 ettari in un corpo solo. Non c’è dubbio che questa iniziativa abbia modificato radicalmente ambizioni e presenza dei Moretti sul mercato nazionale e internazionale: grazie anche al contributo che potrà arrivare dai due partner che hanno affiancato la famiglia bresciana nell’operazione. La Simest , società per l’internazionalizzazione del gruppo Cassa depositi e prestiti entrata con il 14,4% nella subholding agroalimentare Terra Moretti e la società di investimenti Nuo Capital della famiglia Cheng Pao di Honk Kong, presente con il 30% nella Terra Moretti distribuzione.

Crescite oltre misura sul mercato domestico sono firmate dalla toscana Tenute Piccini (57,5%), dalla veneta Corte Giara Allegrini ( +76,9%), e dalla giovane realtà pugliese Varvaglione vigne e vini (+50%), per sottolineare le più eclatanti. Da notare anche lo sviluppo del 40% in Italia di Masi agricola: questo si deve in buona parte all’acquisto del 60% della Canavel Spumanti, brand di valore del Valdobbiadene Prosecco superiore, di cui resta azionista con il 30% Carlo Caramel, espressione della famiglia fondatrice dell’azienda spumantistica. Con questa operazione, la Masi agricola della famiglia Boscaini, unica azienda produttiva quotata in Borsa (sul mercato Aim), punta a intercettare il momento d’oro dei vini sparkling e al tempo stesso potenzia la sua specializzazione e il suo legame con il patrimonio dei vini veneti. E gli exploit non finiscono qui.

Serie storica delle redditività maggiori del 15% - 2016

Serie storica della redditività. Graduatoria 2016 dal 15% in sù.

Ogni anno, alcune specifiche graduatorie rivelano primati importanti che riguardano per esempio la redditività, i vigneti di proprietà o ancora il peso dell’export. Chi sono i campioni 2017?

Partiamo dalla classifica forse più ambita: quella che fotografa le aziende che vantano la migliore redditività espressa dal rapporto tra ebitda e fatturato superiore al 20%. Con un indice del 55%, anche quest’anno apre le danze la Tenuta San Guido del marchese Nicolò Incisa della Rocchetta, produttore del celebre rosso Sassicaia, tra i vini più quotati al mondo. Il secondo posto è ancora una volta della Marchesi Antinori con un rapporto del 42,3% che appare, se vogliamo, ancora più strepitoso di quello conseguito dai cugini della tenuta di Bolgheri, se si tiene conto che il margine operativo lordo di Antinori incrocia un fatturato superiore ai 192 milioni, rispetto ai 30 della Tenuta San Guido. Conquista il podio, con un indice del 35%, la cantina siciliana della famiglia Cusumano, seguita a ruota, con il 34,80%, dal gruppo veneto Santa Margherita dei fratelli Marzotto che realizza anche su questo tavolo un vero salto in alto, guadagnando sei posizioni in un sol colpo, e piazzandosi al quarto posto. Sfoggiano indici superiori al 30% anche Marchesi Frescobaldi e Castellani rispettivamente al quinto e al sesto posto. Tocca quindi alla Ruffino che passa dal 28,6% dello scorso anno al 26,8%, mentre la siciliana Planeta continua sulla strada dell’efficienza, migliorando il suo indice di un punto fino al 26,6%. Balzo in avanti dell’Agricola San Felice: dal 20% dello scorso anno sale al 24,7% passando dal diciassettesimo al nono posto. Al decimo posto la Masi agricola presenta un indice del 24% contro il 28% dello scorso anno. Guadagna più di un punto l’Azienda agricola Falesco, undicesima con il 23,90%, chiudendo in bellezza un anno che non solo ha registrato risultati sopra la media, con incrementi a due cifre del fatturato, ma ha anche segnato il passaggio di proprietà dai genitori Riccardo e Renzo Cotarella alle rispettive figlie Dominga, Enrica e Marta che già da tempo avevano assunto l’intera responsabilità della gestione. A quota 12 Terra Moretti passa dal 24,1% al 22,6%. Novità a quota 13: entra di diritto in questa speciale graduatoria Guido Berlucchi, la maggiore maison spumantistica della Franciacorta, con un indice del 22%. Seguono stabili il Gruppo Lunelli e Umberto Cesari con il 22% ciascuno, seguiti da Donnafugata con il 21%: la griffe siciliana della famiglia Rallo sta potenziando il suo portafoglio vini con i primi frutti degli ultimi investimenti nell’area di Cerasuolo di Vittoria e sull’Etna.Il campionato della redditività arriva a quota 20% con tre cantine: Astoria vini, l’indice di uno dei maggiori protagonisti del Prosecco dimagrisce di due punti rispetto al 2015, e le altre due new entry di questa classifica: Argiolas, storico marchio numero uno in Sardegna, e Umani Ronchi, cantina di riferimento nelle Marche.

A un briciolo di distacco con il 19,7% ecco l’abruzzese Farnese group, seguito a ruota da Tasca d’Almerita. Registrano un’ebitda del 18% Corte Giara e Fontanafredda. Sulla strada che si ferma al di sopra del 15% troviamo Toso, Feudi di San Gregorio Banfi, Barone Ricasoli, Cecchi, Marchesi di Barolo e Carpineto.

Al di là dell’exploit di un anno, è interessante osservare l’andamento di queste aziende nell’arco dell’ultimo triennio. Progressi significativi riguardano per esempio Santa Margherita, Planeta, Argiolas, Umani Ronchi, Farnese group, Fontanafredda, Banfi, Cecchi.

Va da sé che l’indice di redditività risente di investimenti e operazioni realizzate dalle aziende nell’arco dell’anno e non riguarda il mondo cooperativo, i cui fini statutari sono l’aiuto ai soci e la migliore remunerazione delle uve che questi conferiscono alla cooperativa. Per questa ragione i loro parametri economici non sono significativi.

GRANDI VIGNEE’ riservata ai privati, e alle famiglie in particolare, anche la speciale graduatoria che raccoglie le proprietà viticole più importanti. Sul gradino più alto, come sempre, Marchesi Antinori di gran lunga la numero uno con 2.681 ettari in produzione: il vigneto è sempre stato considerato l’asset decisivo nella strategia operativa della antica casata toscana, bandiera del made in Italy nel mondo. Completano il podio Zonin 1821 (con 1990 ettari) e Marchesi Frescobaldi (1270 ettari). Alle loro spalle una grande novità: a seguito dell’acquisto di Sella & Mosca, Terra Moretti conquista la quarta posizione con un patrimonio viticolo di 1084 ettari, scavalcando Banfi, la maggiore azienda di Montalcino della famiglia italo americana Mariani, proprietaria di mille ettari vitati nella preziosa terra del Brunello. Appartengono al gruppo assicurativo Generali le Tenute di Genagricola presenti al sesto posto: tra aziende in Italia e all’estero dispongono di 900 ettari e proprio quest’anno arrivano i primi frutti della tenuta Dorvena in Romania.

Con 520 ettari, Cusumano occupa il settimo posto, è ottava la Bertani Domains della famiglia Angelini (farmaceutici) e nona Feudi San Gregorio della famiglia Capaldo: la casa campana ha potenziato la sua proprietà concentrata fin qui nel sud Italia con una nuova azienda in Toscana, a Bolgheri per un totale di 420 ettari. Al decimo posto una maison, Conte Tasca d’Almerita, (386 ettari) è ha fatto la storia del vino in Sicilia.

Sopra 300 ettari anche Planeta e Masi agricola e subito sotto l’importante proprietà toscana di Cesare e Andrea Cecchi. Altre dieci aziende, chiudono questa graduatoria spaziando dai 200 ettari del gruppo Lunelli e delle Tenute Piccini fino ai 295 della Fratelli Martini. Tra queste, alcune aziende che appartengono a famiglie di riferimento del vino italiano, come Lungarotti in Umbria, Mastroberardino in Campania, Barone Ricasoli in Toscana, Allegrini in Veneto.

Le aziende private con oltre 17 milioni di bottiglie nel 2016E’ l’Enoitalia della famiglia Pizzolo, l’azienda al vertice della graduatoria stilata in base al numero di bottiglie prodotte (dai 17 milioni in sù) che riguarda anche in questo caso solo aziende private. Marchio squisitamente industriale, Enoitalia porta sul mercato più di 88 milioni di bottiglie. Il secondo posto, con più di 80 milioni di bottiglie vendute per quasi la totalità all’estero, tocca alla Casa vinicola Botter Carlo che conquista il podio anche nella graduatoria realizzata in funzione del peso delle esportazioni sul fatturato totale dell’azienda. A ben vedere sono diverse le aziende che hanno conquistato un posto in entrambe queste graduatorie che puntano i riflettori sull’attività oltre frontiera. Qualche esempio?

 

Fratelli Martini (78 milioni di bottiglie e un peso export sul fatturato totale dell’89,70%), Mondodelvino group (63 milioni di bottiglie, 87% export), Ruffino ( 24,9 milioni di bottiglie, 93,4% export), Castellani ( 21 milioni di bottiglie, 91% export), Farnese group (17,4 milioni di bottiglie, 96,7% export), Zonin 1821 (50,2 milioni di bottiglie, 86% export).

le aziende vitivinicole con una quota export 2016 superiore all’80%Tra i maggiori produttori di bottiglie anche Schenk italian wineries (più di 57 milioni), Cielo e Terra (29 milioni), Chiarli, re del Lambrusco (21 milioni), Toso (19 milioni) e Italian wine brands: attraverso le controllate Giordano e Provinco l’azienda di taglio industriale commercia 45 milioni di bottiglie. Prima a quotarsi in Borsa sul mercato Aim, due anni fa, ha intenzione di passare al mercato telematico azionario.

Tra i grandi esportatori vincono le Cantine Sgarzi Luigi che lavorano praticamente solo all’estero (99%), seguite a un soffio da Adria vini (98,9%), braccio commerciale della coop piemontese Araldica Castelvero.



Una forte proiezione all’estero caratterizza anche Pasqua vigneti e cantine (l’export rappresenta l’88% del totale fatturato che oltre frontiera ha conseguito uno sviluppo del 18,9%), Corte Giara Allegrini (86%), Umberto Cesari (85%), Bottega (82%) e due grandi cooperative come Mezzacorona (84%) e Cavit (80,7%). Conquista un posto in questa speciale graduatoria anche Carpineto: azienda toscana delle famiglie Zaccheo e Sacchet, è una new entry della classifica 2016, al novantesimo posto con 14 milioni di fatturato, realizzato per l’88% all’estero.

Nelle classifiche che registrano i maggiori incrementi del giro d’affari totale ed estero si affollano un bel numero di coop. Tra le 12 cantine che vantano le più brillanti crescite del fatturato ( dal 20% in sù) ben otto sono espressione del mondo cooperativo a partire dalla numero uno Cantine Vitevis, il Consorzio frutto della fusione tra le cantine Colli Vicentini, Gambellare e Val Leogra. Così come tra le 16 aziende che hanno totalizzato gli aumenti più importanti del fatturato estero (dal 15% in sù) sei sono cooperative, a cominciare dalla prima della classe Casa vinicola Bosco Malera, braccio commerciale consorzio veneto Vivo Cantine.

E i privati? A correre di più sono Santa Margherita e Varvaglione vigne e vini.


Sono 7 le aziende che entrano per la prima volta in graduatoria. Oltre alla più grande Shenk italian wineries (14mo posto), troviamo a quota 42 Terre d’Oltrepò, la maggiore cantina cooperativa dell’Oltrepò pavese, con un fatturato di 41,5 milioni. E’ solo un cip per sottolineare l’importante iniziativa del sistema cooperativo che quest’anno ha riportato in pista La Versa, marchio storico della spumantistica italiana. Nello scorso febbraio, infatti, Terre d’Oltrepò ha rilevato dall’asta fallimentare indetta dal commissario Luigi Spagnolo la maggioranza (70%) di La Versa, in partnership con il consorzio trentino Cavit. L’operazione del valore di 4,2 milioni è stata realizzata attraverso Valle della Versa, una newco costituita ad hoc.


Ha occupato il posto 73, con 19,3 milioni di fatturato, la Montelvini di Venegazzù, in provincia di Treviso: è stata creata 135 anni fa dalla famiglia Serena che ne è tuttora alla guida, ed opera nell’area di maggior pregio del Prosecco. Novantesimo posto per la toscana Carpineto (14 milioni di fatturato) che si è già messa in evidenza nella classifica delle più forti proiezioni all’export. Ha 13 milioni e occupa il posto 96, un’altra bella realtà veneta abbracciata al Prosecco: è la Bartolomiol con sede a Valdobbiadene, fondata negli anni Quaranta da Giuliano Bartolomiol . Oggi al comando ci sono le quattro sorelle Elvira, Giuliana, Luisa e Maria Elena che ne è anche presidente e ad. E’ una cantina cooperativa la trentina Mori Colli Zugna: 600 ettari di vigneti e 680 soci opera nel cuore della Vallagarina ed è entrata in classica con 12 milioni di fatturato (posto 101). Infine Cantine 4 Valli: creata nel 1952 dalle famiglie Ferrari e Perini, ha sede a Montale (Piacenza) e lavora esclusivamente vini dei Colli Piacentini. Si presenta con poco più di 10 milioni di fatturato e figura al sesto posto nella classifica dei più brillanti incrementi del fatturato estero.

firma-anna-di-martino-long

© Anna Di Martino, 2017 , tutti i diritti riservati. Qualsiasi riproduzione dei dati deve essere autorizzata.

Thanks for downloading!

Top