Signorvino corre e rilancia

Luca Pizzighella direttore SignorvinoCi sono manager (pochi, per la verità) che possiedono la preziosa capacità di coinvolgere i propri collaboratori, di valorizzarli, di fare «squadra». E’ l’asso nella manica di Luca Pizzighella, il brand manager e il direttore del progetto Signorvino, la prima e unica catena italiana di enoteche che marcia a spron battuto e continua a crescere con programmi di sviluppo ambiziosi. «Il progetto funziona grazie al lavoro di tutti», sottolinea Pizzighella «i nostri wine&food specialist Michele Marchesini e Paolo Parenti, il coordinatore della formazione Marco Ceschi, Matteo Canton responsabile degli chef, Enrico Giurdanella capo della comunicazione, Elena Mazzuoli, ufficio stampa». E’ la punta di diamante di un organico di 300 persone che opera per Signorvino: la fortunata formula fondata da «mister Calzedonia» Sandro Veronesi, con suo figlio Federico, che conta oggi 16 punti vendita in location iconiche (a Firenze una terrazza sull’Arno, a Torino in una ex chiesa ortodossa, per dirne due), e si prepara ad aprirne altri 10 entro il 2021, non solo in Italia. Da Milano a Verona, da Torino a Brescia, da Firenze a Merano, Signorvino è ora pronto a sbarcare a Roma (nella centralissima Piazza Barberini), a Bergamo (nel centro commerciale di Curno) e ancora a Parma, mentre è in corso la ricerca di altri indirizzi cool a Milano, per esempio in zona Navigli e in Corso Como. Giro d’affari di 35 milioni, tra vino e ristorazione, Signorvino offre e vuole raccontare a un pubblico, prevalentemente giovane, 1500 etichette di vini di tutto il vigneto Italia, con un approccio morbido e allegro, che non vuol dire banale, puntando molto sulle storie e sul territorio: «E’ la filosofia che stiamo adottando anche nel food, cercando i prodotti tipici del territorio, come abbiamo fatto nel vino»racconta il giovane manager. Le direttrici di questa dinamica «enocatena»? Fare stare bene «i nostri clienti», capirne a fondo desideri e tendenze anche attraverso l’Osservatorio Signorvino e la creazione della fidelity card (appena lanciata ha già 12mila iscritti), potenziare il food, diventare maestri nella proposta del vino giusto al momento giusto, dare un servizio a 360 gradi che comprende anche spedizioni in tutto il mondo: parola di Luca.

Leave a Comment

Thanks for downloading!

Top