Blog

Chi ha venduto di più in Gdo durante l’emergenza Covid-19 (mio articolo per “Civiltà del bere”)

GDO-750x375

Nei primi quattro mesi dell’anno, a causa del lockdown per coronavirus, la Gdo ha moltiplicato le vendite del vino (+7,9% in volume e +6,9% in valore). A beneficiarne, oltre ai big del settore con i vini pop, anche le Cantine habitué dell’Horeca con bottiglie tra 4,50 e 10 euro.

Frescobaldi, Mionetto, Antinori, Zonin 1821, Donnafugata, Santa Margherita, Cecchi, Mezzacorona, Regaleali – Tasca d’Almerita, Tormaresca – Antinori. Ecco i brand che hanno fatto bingo negli scaffali della Grande distribuzione organizzata nell’area di maggiore qualità, quella delle bottiglie da 0,75 litri con un prezzo compreso tra 4,50 e 10 euro (Cantine con fatturato in Gdo da 400 mila euro in su).

Effetto lockdown sulla distribuzione

Tutto merito (si fa per dire) del lungo lockdown causato dell’emergenza Covid-19, quando il terribile stop del canale Horeca, quello più importante per il mercato del vino rappresentato da ristoranti, bar e catering, ha concentrato le vendite di vino esclusivamente attraverso i negozi alimentari, l’on line e soprattutto la Gdo. I dati elaborati dall’Iri parlano da soli. Se a fine 2019 il fatturato vino nella distribuzione moderna aveva registrato un incremento del +1,2% in volume e +1,8% in valore, nel periodo gennaio – 19 aprile 2020 le vendite si sono moltiplicate, crescendo del +7,9% in volume e del +6,9% in valore.

(altro…)

Chianti, Maremma & Co. L’oro rosso vale più di un miliardo

 

1 Giovanni Manetti, presidente del Consorzio C hianti classico, il più antico d'Italia

Giovanni Manetti, presidente del Consorzio Chianti classico, il più antico d’Italia

FabrizioBindocci_Presidente_Consorzio Brunello Montalcino, l'area più pregiata della regione

Fabrizio Bindocci, Presidente, Consorzio Brunello Montalcino, l’area più pregiata della regione

Prendi un winelover americano, stappa un vino toscano e farai un uomo felice. Se poi nel bicchiere c’è un Brunello di Montalcino o un Supertuscan o un Chianti Classico sarà tuo amico per sempre. Proprio così. Come se non bastassero i tesori artistici, la storia millenaria, i paesaggi mozzafiato, a fare della Toscana una delle mete più sognate a livello planetario è l’eccellenza dei suoi vini. Un mosaico di produzioni (o di denominazioni per dirla con i vignaioli) che ha pochi confronti e appassiona i consumatori. Terra di grandi rossi, con il vitigno Sangiovese che la fa da padrone nelle sue varie declinazioni, la regione vanta etichette che fanno perdere la testa ai collezionisti di tutto il mondo, come il Sassicaia della Tenuta San Guido, il Masseto e l’Ornellaia della Marchesi Frescobaldi, il Solaia e il Tignanello della Marchesi Antinori. Ma non solo. La Toscana del vino piace anche e soprattutto perché dagli Appennini alle sue dolci colline orlate di cipressi  fino al mare Tirreno propone vini per tutte le tasche, non solo per intenditori, figli del loro territorio e quindi unici. Chianti (la denominazione più diffusa e popolare da non confondere con il Chianti classico noto anche come Gallo nero), Morellino di Scansano (il rosso che nasce a sud della regione, vicino al mare), Bolgheri (area in grande spolvero di etichette pregiate), Orcia (figlia della Val d’Orcia patrimonio Unesco, è tra le più giovani e intraprendenti denominazioni), Nobile di Montepulciano (questo rosso di razza è anche la prima docg italiana e ha appena deciso di aggiungere in etichetta «Toscana» per distinguersi dall’omonimo vino abruzzese ), Vernaccia di San Gimignano (il più importante bianco della regione) o ancora Maremma toscana che si estende tra il Monte Amiata e la costa maremmana fino all’Argentario e  conta tra i suoi vini anche il Vermentino, un bianco biricchino molto gettonato: sono solo alcune delle più note denominazioni che compongono la variegata tavolozza enologica  toscana. (altro…)

Le 21 aziende con fatturato over 100 milioni nel 2019

La soddisfazione  per un anno positivo da un lato, la preoccupazione per un mercato che improvvisamente ha cambiato faccia dall’altro:  le grandi cantine italiane hanno archiviato l’esercizio 2019 nel pieno lockdown per l’emergenza coronavirus.

«Abbiamo chiuso un bilancio molto positivo che resterà per anni un sogno, ma restiamo comunque ottimisti e siamo convinti che sapremo ottenere nuovamente questi risultati, con nuove regole del gioco e tanto impegno»», commenta Renzo Cotarella, ceo della Marchesi Antinori, prestigiosa griffe del made in Italy nel mondo.

«Abbiamo festeggiato un 2019 eccellente ma siamo consapevoli che sarà molto dura ripetere risultati di questo tipo. Teniamo comunque la barra dritta mantenendo le nostre strategie di sviluppo», sostiene Matteo Lunelli presidente dell’omonimo gruppo trentino che  appartiene alla sua famiglia ed è  reduce da annate record di sviluppo delle sue bollicine Ferrari e Bisol nel canale horeca (hotel, ristoranti, catering) ora completamente bloccato  dalla crisi pandemica.

Sentimenti condivisi all’interno dell’esclusivo club delle cantine con un giro d’affari superiore ai 100 milioni che, come ogni anno, anticipa la classifica delle maggiori aziende vitivinicole italiane,  in uscita nelle prossime settimane.

Il club degli over 100 comprende 21 aziende e rappresenta 3,8 miliardi di fatturato,  2,6 miliardi di esportazioni e 1,3 miliardi di bottiglie.

Schermata 2020-05-25 alle 12.33.09

(altro…)

Effetto coronavirus: mancano braccia straniere nei campi (mio articolo per “Civiltà del bere”)

coronavirus-mancano-braccianti-stranieri-in-vigna-750x375

Da fine febbraio l’Organizzazione degli imprenditori agricoli aveva lanciato l’allarme per l’improvvisa mancanza di braccia straniere nelle campagne italiane. Ora il problema rischia di esplodere per tutti i comparti del settore agricolo, viticoltura inclusa.

«Abbiamo chiesto al governo di reintrodurre i voucher cartacei per poter reperire manodopera italiana, altrimenti c’è il serio rischio di perdere i raccolti». Ettore Prandini, presidente di Coldiretti, non usa giri di parole: «Il momento è critico e lo strumento dei voucher, snello, veloce e controllato, anche per un tempo limitato, potrebbe aiutare le imprese agricole in grande difficoltà per la fuga dei braccianti stranieri dai campi».

L’allarme da fine febbraio

La questione è molto seria. Già alla fine di febbraio, quando il ciclone Coronavirus non aveva ancora espresso tutta la sua violenza, l’Organizzazione degli imprenditori agricoli aveva lanciato l’allarme per il venire meno di braccia straniere dalle campagne italiane, a causa delle misure di cautela adottate da alcuni paesi europei, Romania, Polonia, Bulgaria in prima fila. In pratica tutti i lavoratori impegnati nelle regioni del nord Italia, in particolare in quelle colpite per prime dal virus come il Veneto e la Lombardia, rinunciavano a venire in Italia, perché erano costretti dai loro paesi di origine a sottostare a quarantene e altre restrizioni, ancora prima che queste misure divenissero obbligatorie nell’attuale drammatica pandemia.

(altro…)

Cortina, famiglia Vascellari, freccia nel cielo

tofana_1Dopo 30 anni, dal 18 al 22 marzo torna la coppa del mondo a Cortina d’Ampezzo, luogo magico, pieno di luce, oggi al centro di mille iniziative imprenditoriali in vista dei Mondiali di sci alpino 2021 e dei giochi olimpici invernali 2026. Una delle più significative è già decollata sabato 11 gennaio ed è la nuova cabinovia Tofana-Freccia nel Cielo che ha sostituito il primo tratto della storica funivia che 50 anni fa ha reso accessibile la cima della Tofana di Mezzo, una delle più alte delle Dolomiti Patrimonio dell’Unesco.

La nuova cabinovia, la prima di Cortina, con 47 moderne cabine da 10 posti l’una che porteranno in vetta 1800 persone l’ora, è stata realizzata da Tofana Srl con Leitner e lo studio di progettazione Gg22 Project e sale da Cortina fino alla vetta della Tofana di Mezzo, passando dal Col Druscié e Ra Valles, con una stazione intermedia a Colfiere, punto di riferimento per gli spettatori della Coppa del mondo e poi dei Mondiali e delle Olimpiadi.

L’opera è magnifica e rappresenta il punto più alto in fatto di tecnologia, sostenibilità ambientale, sicurezza, design.

(altro…)

Le donne del vino piacciono alle banche

Corriere economia 10-02-2020

scarica l’articolo del Corriere Economia

Le donne del vino piacciono alle banche. E’ la scoperta di una ricerca dell’Università di Siena su un campione di imprenditrici dell’Associazione Donne del vino, la più importante a livello internazionale tra le organizzazioni rosa del settore. Ed è una luce in fondo al tunnel: per la prima volta il divario dell’accesso al credito tra maschi e femmine, costantemente a sfavore di queste ultime, registra dati in controtendenza.

Associuazione Donne del vino 2

Ricerca Donne del vino e credito 1 focusUna notizia, senza dubbio. Un recente focus dell’Economia del Corriere della sera proprio sul gender gap, fotografa infatti una situazione inquietante. Secondo il World Economic forum la disparità politica verrà colmata tra 95 anni e quella retributiva addirittura tra 257 anni. Non solo. Il Global Gender Gap Report 2020, fresco di stampa, segnala che l’Italia è scesa dal 70mo al 76mo posto mondiale nella classifica dei Paesi che attuano la parità salariale. Mentre il Global Wage Report 2018 -2019 dell’International Labour Organization ribadisce che le donne continuano a essere pagate circa il 20% di meno rispetto agli uomini. Non a caso tra i 17 obiettivi per lo sviluppo sostenibile 2030 dell’Onu  figura «la piena e produttiva occupazione e un lavoro dignitoso per tutti e la parità di retribuzione per lavoro di pari valore».

(altro…)

Wine&Siena

IMG_1212Siena come Bordeaux?

Ma davvero Siena può diventare la capitale italiana del vino e assumere il ruolo che Bordeaux riveste in Francia?  Così afferma e si propone Helmuth Kocher, patron del Merano WineFestival  e presidente della Gourmet’s international, organizzatrice della celebre manifestazione che compirà 29 anni il prossimo novembre 2020.

Si vedrà se il TheWineHunter altoatesino, capacissimo e determinato, avrà ragione. E soprattutto se saprà replicare con il Wine&Siena i fasti del Merano WineFestival, a tutti gli effetti, una delle più importanti manifestazioni del vino in  Italia.

Al momento l’evento senese chiude la sua quinta edizione con numeri in crescita: più di 3500 accessi, massima capienza possibile al Santa Maria della Scala, l’antico “Spedale” sulla via Francigena, in cui si è snodata la manifestazione; 1100 operatori accreditati, 100 giornalisti, esaurite le masterclass, successo anche per i seminari e gli eventi correlati. E 5400 euro la cifra raccolta con l’asta di beneficienza.

Un risultato interessante, anche per le 200 aziende enogastronomiche protagoniste a Santa Maria della Scala che da quest’anno è diventata la location principale dell’evento. Un luogo esclusivo senza dubbio, come tutti quelli che ospitano gli eventi di Wine&Siena: dalla Rocca Salimbeni di BancaMontePaschi, al Palazzo Sansedoni sede la Fondazione Mps, dal Palazzo del Rettorato dell’Università degli studi di Siena al Grand Hotel Continental: Siena è uno scrigno di storia e tesori e degustare un vino ritrovandosi vis a vis con il Duomo o affacciandosi a Piazza del Campo fa la differenza.

(altro…)

Dal sito civiltà del bere, la mia intervista a Valentino Sciotti

Cività del bere 17-1-2020Farnese vini passa al fondo Platinum Equity. Intervista al presidente Sciotti

http://www.civiltadelbere.com/farnese-vini-passa-al-fondo-americano-platinum-equity-intervista-al-presidente-sciotti/

 

Signorvino corre e rilancia

Luca Pizzighella direttore SignorvinoCi sono manager (pochi, per la verità) che possiedono la preziosa capacità di coinvolgere i propri collaboratori, di valorizzarli, di fare «squadra». E’ l’asso nella manica di Luca Pizzighella, il brand manager e il direttore del progetto Signorvino, la prima e unica catena italiana di enoteche che marcia a spron battuto e continua a crescere con programmi di sviluppo ambiziosi. «Il progetto funziona grazie al lavoro di tutti», sottolinea Pizzighella «i nostri wine&food specialist Michele Marchesini e Paolo Parenti, il coordinatore della formazione Marco Ceschi, Matteo Canton responsabile degli chef, Enrico Giurdanella capo della comunicazione, Elena Mazzuoli, ufficio stampa». E’ la punta di diamante di un organico di 300 persone che opera per Signorvino: la fortunata formula fondata da «mister Calzedonia» Sandro Veronesi, con suo figlio Federico, che conta oggi 16 punti vendita in location iconiche (a Firenze una terrazza sull’Arno, a Torino in una ex chiesa ortodossa, per dirne due), e si prepara ad aprirne altri 10 entro il 2021, non solo in Italia. Da Milano a Verona, da Torino a Brescia, da Firenze a Merano, Signorvino è ora pronto a sbarcare a Roma (nella centralissima Piazza Barberini), a Bergamo (nel centro commerciale di Curno) e ancora a Parma, mentre è in corso la ricerca di altri indirizzi cool a Milano, per esempio in zona Navigli e in Corso Como. Giro d’affari di 35 milioni, tra vino e ristorazione, Signorvino offre e vuole raccontare a un pubblico, prevalentemente giovane, 1500 etichette di vini di tutto il vigneto Italia, con un approccio morbido e allegro, che non vuol dire banale, puntando molto sulle storie e sul territorio: «E’ la filosofia che stiamo adottando anche nel food, cercando i prodotti tipici del territorio, come abbiamo fatto nel vino»racconta il giovane manager. Le direttrici di questa dinamica «enocatena»? Fare stare bene «i nostri clienti», capirne a fondo desideri e tendenze anche attraverso l’Osservatorio Signorvino e la creazione della fidelity card (appena lanciata ha già 12mila iscritti), potenziare il food, diventare maestri nella proposta del vino giusto al momento giusto, dare un servizio a 360 gradi che comprende anche spedizioni in tutto il mondo: parola di Luca.

Consorzio delle Venezie, Pinot grigio Stile italiano

Albino Armani presidente Consorzio Doc delle VenezieAlbino Armani è un vignaiolo appassionatio, convinto che «il suo sia il più bel lavoro del mondo e che mettere le mani nella terra per farla diventare vino sia il più bel mestiere che potesse capitargli di fare nella vita». Ma è anche un uomo determinato, capace di mediare e di fare squadra: caratteristiche indispensabili, che usa sicuramente in dosi massicce, quando mette l’abito di presidente del Consorzio Doc delle Venezie. La neonata denominazione che governa, promuove e custodisce il Pinot grigio, stile italiano, ovvero il vino bianco fermo più conosciuto al mondo, e anche la denominazione che si aggiudica da sola l’85% dell’intera produzione nazionale e il 42% di quella mondiale. Tanta roba e grandi numeri: 26.400 ettari di vigneti, tra le maggiori estensioni europee di un’unica varietà, 10 mila produttori, 362 imbottigliatori, 90 vini.
Raccordare e mettere ordine in questo ben di Dio spalmato in tre differenti regioni, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino; aumentarne la qualità; definirne lo stile per distinguerlo in maniera precisa dalle altre più piccole produzioni e governare il mercato per garantire valore e reddito costante a tutta la filiera: sono queste le direttrici che guidano il cammino del nuovo Consorzio che ha volutamente legato la sua immagine a un simbolo famoso a livello planetario come il ferro della gondola veneziana.
Il tutto, scandisce Armani, con ì’appoggio «degli altri 19 Consorzi di tutela che condividono con noi questo progetto”, definendo un metodo di lavoro «che si chiama condivisione», puntando «in modo maniacale sul controllo di qualità dell’intera filiera» e soprattutto cercando «di trovare un equilibrio tra domanda ed offerta , premessa decisiva per la creazione del valore”.

Conzorzio Doc delle VenezieEd è solo l’inizio. La Doc ha obiettivi ambiziosi, come ha rilevato il primo summit internazionale sul Pinot grigio, svoltosi in ottobre a Venezia su iniziativa del Consorzio e il contributo professionale di Civiltà del Bere, storica testata diretta da Alessandro Torcoli.
E d’altra parte i potenziali di sviluppo ci sono tutti e possono essere davvero importanti a patto di «cambiare linguaggio», sottolinea Armani, mantenendo fermo il controllo su una produzione da oltre 200 milioni di bottiglie in modo da governare il posizionamento sul mercato e la valorizzazione di questo vino-vitigno italiano dalle caratteristiche oggi più definite. Grazie anche alla costituzione della Triveneta Certificazioni e al lavoro di più di 50 commissioni d’assaggio.

(altro…)

Contatti

Non esitate a contattarmi per maggiori informazioni sul mio lavoro!

Finito, dove vuoi andare?

torna all'inizio o usa il menù di navigazione a sinistra

Thanks for downloading!

Top